“Sotto le macerie”: così Reset ricorda il terremoto che distrusse la città

Pubblicato il alle

1' min di lettura

ResetReset ricorda, in occasione della ricorrenza del terremoto che colpì Messina, e lo fa attraverso la drammatizzazione del racconto autobiografico di Sergej Tchakhoitine, che si terrà il 28 e il 29 Dicembre alle 21.00 nei locali di “resetlab”. «Il senso di appartenenza e la conoscenza della storia e della cultura messinese sono elementi portanti della “Città possibile” che Reset! propone alla città» scrivono dal movimento. La manifestazione, in collaborazione con l’Associazione culturale Messina-Russia, presenta: “Sotto le macerie”, «una della testimonianze più originali e vibranti, capaci di raccontare il “grande terremoto” in modo mai visto prima». La drammatizzazione, infatti, è il resoconto, minuto per minuto, di uno scienziato russo rimasto sepolto vivo nel terremoto del 1908. L’incredibile esperienza di un uomo cosciente della possibilità di poter morire, senza scampo, sotto le macerie. Il racconto, dopo essere rimasto inedito per ottant’anni, è stato scoperto dal sito RussianEcho.net e pubblicato, in italiano e russo, da Michele Intilla Editore nel 2008. Il Gruppo artistico-letterario Bg&g ha deciso di proporre la versione drammatizzata, per la prima volta nella Città dello Stretto. L’ingresso è libero su prenotazione, per i posti a sedere.

Per info: tel. 329 3461208 

(60)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.