Sarà “Carmen Duo” il 4º spettacolo della rassegna teatrale alla Laudamo

LOCANDACARMENA3Carmen Duo sarà il quarto appuntamento della stagione “La Prima Volta-Rassegna teatrale di opere prime”,venerdì 29, alle 21.00, alla Sala Laudamo.

Carmen Duo è uno spettacolo che si avvale dell’ ideazione e coreografia di Giovanna Velardi , in collaborazione conFilippo Luna, con Giovanna Velardi e Filippo Luna, costumi diDora Argento, luci diDanila Blasi, musiche di Bizet -Arvo Part – R. Shoedrin.

Carmen come icona della seduzione, emblema del dionisiaco, assimilabile solo al Don Giovanni per il rivoluzionario senso di libertà che porta in scena. Carmen, con il suo accettare la propria morte, accetta la propria finitezza e la rende orizzonte di vita. Il suo è un coraggio a-morale, ancestrale e terreno, un coraggio fisico che nasce dalla consapevolezza d’essere fatta di carne, pulsioni e istinto.

La chiave di lettura di Carmen Duo segue questa linea: trasforma in energia pura il personaggio, lo fa emblema di una rivoluzione costante e la rende simbolo di una determinatezza esistenziale. L’esigenza della rappresentazione parte dall’indagare la profonda dignità dell’individuo che qui trova in un umanità vitale e viscerale la propria ragione d’essere.

«Cosa porta gli uomini a intraprendere una discesa senza ritorno, fino agli inferi, fino a perdere completamente la loro umanità? È questo l’interrogativo — spiegano dalla regia — da cui siamo partiti, per raccontare quella violenza che si consuma sotto i nostri occhi quotidianamente e che abbiamo imparato ad accettare con l’indifferenza dell’abitudine. La storia di Carmen con la sua dinamica del rapporto fra i due protagonisti dell’opera, ci ha offerto l’occasione per approfondire questo delicato tema, in una visione contemporanea dell’opera di Merimee/Bizet. Un attore e una danzatrice, un uomo e una donna, Don Jose e Carmen, divengono portatori in scena di due identità contrapposte: virile, forte e disperata quella di lui, vitale, sensuale e coraggiosa quella di lei. Si corteggiano, si amano, si possiedono, si abbandonano alla competizione dell’ego, della supremazia dell’uno sull’altro, schiavi di un istinto primordiale, che li porta a fronteggiarsi fino a travolgersi, fino alla follia cieca che cancella qualsiasi possibilità di salvezza. Un percorso che è ritmico ed emotivo al tempo stesso, senza domande ne risposte, fatto esclusivamente delle viscere dei personaggi. Emozioni vissute, esasperate, sbattute in faccia, di cui il corpo diventa non solo il contenitore ma anche il mezzo con cui i due protagonisti vivono la loro folle relazione. Non ci sono parole, se non necessarie e naturali, pochi oggetti evocativi in scena, gli unici punti fermi di una storia che resta in bilico tra la ragione della diversità e la distorsione del sentimento. Queste due anime che si fronteggiano, sono i fantasmi di un’umanità che non riconosce più il senso del proprio vivere, lui nell’incapacità di comprendere il bisogno di libertà di lei e di accettarla nella sua interezza, lei nell’impossibilità di vivere un amore fino in fondo senza finire incatenata in un ruolo che sa non appartenerle. E nell’inevitabile morte di Carmen continuerà a non esserci perdono ne espiazione».

“La Prima Volta-Rassegna teatrale di opere prime” è un progetto del regista Vincenzo Tripodo, presidente dell’Associazione Culturale Querelle e direttore artistico di ActorGym; Dario Tomasello, docente e consulente artistico di rassegne di drammaturgia contemporanea; Gigi Spedale, produttore e organizzatore teatrale e cinematografico.

Alle 19.00, sempre alla Laudamo, si terrà il consueto incontro “Prima della Prima”,dove gli studenti del Dams e gli allievi dell’ActorGym hanno la possibilità di confrontarsi con gli artisti in cartellone. L’incontro è aperto a tutti, sino a esaurimento posti. Ospite della rassegna è il critico teatrale Roberto Rinaldi.

Anche in questa occasione verranno coinvolti gli studenti del Dipartimento di Scienze Cognitive, Studi Culturali e della Formazione protagonisti di recensioni pubblicate sul sito dell’Associazione Querelle, e diffuse via Web nelle maggiori riviste di critica teatrale. Querelle è da sempre generosamente sensibile alla formazione e per tale motivo saranno coinvolti in questo progetto anche gli allievi diActorGym, la “palestra delle emozioni” che contribuisce a creare un valido strumento di crescita performativa ed etica. Le lezioni del laboratorio di critica, curate da Vincenza Di Vita, in collaborazione con l’ “Associazione Nazionale Critici di Teatro” e “Rete Critica”, darà la possibilità agli studenti di pubblicare le loro recensioni con una visibilità su riviste di critica tra le maggiori e coinciderà pertanto con il debutto della rassegna, per la quale gli studenti universitari fruiranno di abbonamenti ridotti con il contributo dell’Ersu dell’Università degli Studi di Messina.

(55)

Categorie

Cultura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *