Radica Festival 2022, a San Marco d’Alunzio c’è voglia di «restare»: il programma

Pubblicato il alle

2' min di lettura

I ragazzi di Tre60Lab sono tornati con la V edizione del Radica Festival, a San Marco D’Alunzio, il 22 e il 23 luglio. «Un inno – dicono – alla voglia di restare per ricominciare». In ogni progetto, infatti, l’associazione Tre60Lab si prende cura del territorio e da esso ne trae ispirazione. È successo, per esempio, con Garageproject, e adesso accadrà ancora con Radica Festival 2022. «Il Festival – dicono ancora i referenti di Tre60Lab – è un vero è proprio modo di presentare una comune visione dell’arte e senso di appartenenza. Nella Trinacria, chi resta lo fa per preservare, amare e far amare, per costruire, lo fa perché ci crede».

Radica Festival 2022

Sarà l’ex Monastero Benedettino, costruito nel 1176, ad ospitare la due giorni di eventi totalmente gratuiti, in cui le installazioni artistiche entreranno in connessione con la musica. Ad aprire Radica Festival sarà Fattore Umano, performance multidisciplinare con i suoni di Raffaele Trimarchi, le parole di Antonio Mollica, Antonella Ingrassia e Sebastian Recupero e il live drawing di Serena Campana.

Prima della due giorni ufficiale, però, arriva un assaggio di Radica Festival il prossimo 14 luglio, con “Waiting for Radica Festival“, al Castello Bastione di Capo d’Orlando con le performance di: Mario Taviano, Mario Filetti, Diectrm, Reiwa Pia, Skyler Vittorini, Raffaele Trimarchi, _Breakfast_for_dinner_.  Anteprima anche di “DISUASIÓN – Storie di chi fugge e chi resta – Femminismo e Resistenza – Italia Cile 2022”, mostra a cura di Muñoz – Caamaño – Pangui, ospitata poi al Laboratorio Orlando Contemporaneo di Capo D’Orlando.

Il programma

  • 22 luglio, alle 22:00, performance Fattore Umano; alle 23:00, live dei Mereketen con Forrò, la più diffusa danza popolare del nord-est del Brasile
  • 23 luglio, alle 22:00, live set Go-Dratta; alle 23:00, live Pacha Kama

Per tutta la durata del festival, prevista anche una collettiva con le opere di: Enzo Rinaldi, Milo Floramo, Filippo Pietro Castrovinci, RE e Grazia Pia Ramuglia.

(Foto di Rossella Midili)

(246)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.