Messina. Il 19 giugno riapre il Museo del ‘900

Foto di un interno del Museo del 900 di MessinaRiapre – dopo lo stop per l’emergenza coronavirus – il Museo del ‘900 di Messina. Venerdì 19 dalle 21.00, serata inaugurale con la rassegna “Storia e Spartiti”. In programma anche il concerto di David Carfì dedicato a Beethoven.

«Riprendendo il nostro viaggio, forzatamente interrotto per la pandemia da Covid19, scopriamo, oggi più che mai, l’importanza della conservazione e della custodia del patrimonio storico e della memoria della comunità

Riapre il Museo del ‘900 di Messina

Venerdì 19 giugno sarà una serata speciale, almeno per il Museo del ‘900 di Messina che torna alle sue attività. In programma, dalle 21.00, “Storia e Spartiti”:

  • “Il Museo custode permanente delle identità” confronto la docente Marta Tigano;
  • Concerto per pianoforte con il Maestro David Carfì. Appuntamento musicale dedicato a Beethoven in occasione del 250esimo anniversario della sua nascita.

«In concomitanza con la riapertura dei musei, non potevamo fare a meno di ricominciare il nostro percorso muovendo dalla riflessione sul ruolo strategico e insostituibile del museo quale custode permanente delle identità e punto di riferimento per la comprensione del nostro passato, della nostra storia e, conseguentemente, del nostro presente».

Il bunker-museo

Il Museo del ‘900 si trova all’interno dell’ex Ricovero-bunker Cappellini, di nuovo reso fruibile alla cittadinanza e ai visitatori nel 2015. La struttura, in massima parte inalterata, oltre a rappresentare un contenitore storico, è testimonianza diretta degli eventi relativi al secondo conflitto mondiale. Per questi motivi, rappresenta uno spazio qualificato per riportare all’attenzione del grande pubblico le vicende della città nel XX secolo.

Quando è possibile visitare il Museo del ‘900:

  • da martedì a venerdì – dalle 10 alle 13 e dalle 16.30 alle 19.30;
  • sabato – dalle 10.00 alle 13.00.

Per ulteriori informazioni e prenotazioni è possibile chiamare il numero 389 7623501.

(182)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *