“Artisti dello Stretto”: una collettiva di 8 artisti al Teatro Vittorio Emanuele

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Al Teatro Vittorio Emanuele prosegue “L’Opera al Centro“, rassegna di arti visive curata da Giuseppe La Motta, che stavolta chiama a raccolta 8 artisti messinesi e calabresi per dare vita a “Artisti dello Stretto”, collettiva che verrà inaugurata il prossimo 15 gennaio alle 18. In mostra: Nuccio Bolignano, Nino Bruneo, Nino Cannistraci, Gennaro Carresi, Dora Casuscelli, Katia Lupò, Enrico Meo e Demetrio Scopelliti.

«Artisti più che maturi – scrive Anna Maimone, che ha curato l’introduzione della collettiva – si riuniscono nel progetto di mostra collettiva che pone al centro lo Stretto, la vita e la memoria delle due sponde, per confermare che la cultura e lo spirito critico non possono che condannare il particolarismo in tutte le sue forme».

Artisti dello Stretto

E mentre al Teatro Vittorio Emanuele è già partita la nuova stagione teatrale, continua “L’Opera al Centro” con una collettiva di artisti provenienti da Messina e Reggio Calabria, che per certi versi si sono ritrovati ad affrontare lo stesso viaggio sullo Stretto di Messina e che adesso saranno in esposizione per “Artisti dello Stretto”.

«Le due città dello Stretto, Messina e Reggio, – aggiunge Anna Maimone – pur avendo alle spalle realtà molto diverse si sono trovate a vivere una straordinaria fusione dovuta al giornaliero passaggio di lavoratori, studenti, professori, artisti, per frequentare l’Accademia di Belle Arti a Reggio e l’Università e l’Istituto d’Arte a Messina, e in tempi più recenti, le nuove facoltà reggine. Una militanza culturale condivisa che crea una rete corrispondenze e necessità, pur nelle differenze.

La distanza non dipende allora da quanto è largo lo Stretto, ma da quanto sappiamo mantenere vivi i nostri orizzonti culturali, si tratta di costruire un ponte ideale che, se non è sufficiente a colmare un vuoto, valga almeno a farne percepire il senso. L’arte è da sempre, diceva Argan, “un lavoro manuale trasposto in comunicazione concettuale”. Compito degli artisti è sempre dare vita a delle esperienze capaci di cogliere la complessità e le istanze del nostro momento».

La collettiva

Durante il vernissage, in programma per sabato 15 gennaio, è previsto un intervento musicale del fagottista Antonino Cicero che presenterà alcuni brani del ultimo disco “Un tango para vos”. La mostra sarà visitabile fino al 26 gennaio, tutti i giorni, escluso il lunedì nei seguenti orari:

  • dalle 10.00 alle 13.00
  • dalle 16.30 alle 19.00.

 

(178)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.