L’Università di Messina compra l’ex Banca d’Italia di piazza Cavallotti

È ufficiale, l’edificio dell’ex Banca d’Italia appartiene all’Università di Messina: è stato siglato ieri il contratto d’acquisto della sede di piazza Cavallotti.

Il contratto è stato firmato, dopo mesi di trattative, dal rettore dell’Ateneo Peloritano, Salvatore Cuzzocrea e dal dottor Pietro Raffa per conto della Banca d’Italia, alla presenza del notaio Alessia Marsiglio.

Il Rettore Cuzzocrea ha espresso grande soddisfazione: «L’obiettivo dell’Università – ha detto- è quello di valorizzare il proprio patrimonio artistico e culturale e di restituire alla città la splendida struttura che sarà sede di un polo museale e di centri di ricerca. Ciò al fine di renderlo fruibile a tutti e non solo a docenti e studenti».

Il progetto dell’Unime per l’ex Banca d’Italia

La struttura dell’ex Banca d’Italia di Messina, edificata nel 1924, ha una superficie di oltre 6000 mq, divisi in un seminterrato e due piani fuori terra; completamente in cemento armato e muratura, è di fattura molto curata.

L’edificio si articola in:

  • 8 unità immobiliari a destinazione d’uso abitazioni di tipo civile;
  • 1 unità immobiliare a destinazione d’uso istituto di credito;
  • 1 unità a destinazione d’uso cabina elettrica;
  • 8 unità immobiliari a destinazione d’uso magazzini e depositi;
  • 1 unità immobiliare destinata a locali sportivi;
  • 2 a destinazione lastrico solare.

I sotterranei saranno probabilmente utilizzati come Archivio Storico dell’Ateneo. Mentre il resto dell’edificio, come annunciato all’inizio delle trattative, verrà riqualificato per realizzare al suo interno un museo e centri di ricerca.

(1007)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *