Scuola. Anche a Messina i corsi per la formazione dei docenti in attività motoria

Formazione teorica e pratica in attività motorie e sportive. Questo il progetto sperimentale “Natural moving”, che coinvolge i docenti delle scuole dell’infanzia e primarie anche di Messina.

“Natural moving” è finanziato dall’assessorato regionale all’Istruzione – con quasi 174 mila euro – e promosso dal Coordinamento di Educazione fisica e sportiva dell’Ufficio scolastico regionale, in collaborazione con il Dipartimento di Scienze psicologiche, pedagogiche, dell’esercizio fisico e della formazione dell’Università di Palermo.

«Grazie all’impegno del governo Musumeci – dice l’assessore regionale dell’Istruzione, Roberto Lagalla – si colma una lacuna che riguarda da tempo la fascia scolastica dell’infanzia e della primaria, migliorando le competenze nelle attività motorie, che in questi ordini di scuola restano purtroppo compresse. Si tratta di un elemento fondamentale per educare a una buona qualità della vita e all’armonizzazione corporea».

“Natural moving” arriva anche a Messina

“Natural moving” è quindi un percorso formativo di metodologia e didattica rivolto a 720 docenti curriculari e di sostegno, che operano con gli alunni più piccoli nelle nove province siciliane.

Saranno organizzati 18 corsi, ciascuno con 40 docenti partecipanti:

  • tre corsi a Palermo, Catania e Messina;
  • due ad Agrigento, Trapani e Siracusa;
  • uno a Ragusa, Caltanissetta ed Enna.

Con 30 ore di lezioni teoriche a distanza, che partiranno nei prossimi giorni, altre 30 ore di laboratori pratici in presenza all’aperto nei prossimi mesi di settembre e ottobre (sempre compatibilmente alle condizioni sanitarie), 5 ore di seminario e un convegno conclusivo. Sono previste anche attività di primo soccorso, dopo le quali sarà rilasciata una certificazione.

Un progetto per lo sport

«La finalità del progetto – aggiunge il direttore dell’Usr Sicilia, Stefano Suraniti – è quella di riuscire ad attuare una scuola all’aperto che faciliti l’acquisizione di sane e durature abitudini di vita, la pratica costante di attività motoria, la tutela della salute come pieno benessere fisico, psichico e sociale, l’educazione al tempo libero, il rispetto dell’ambiente naturale».

«È importante cominciare queste attività sin dall’età infantile – aggiunge Giovanni Caramazza, coordinatore del progetto per l’Usr Sicilia – perché consentono di prevenire malattie anche di tipo metabolico».

(512)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *