Michele Vullo

Papardo, Ciacio lascia l’incarico. Tra Crocetta e Vullo è “scontro”

Pubblicato il alle

3' min di lettura

Michele VulloVincenzo Ciacio lascia l’incarico di Esperto anticorruzione all’ospedale Papardo. L’ex agente di Polizia lo scrive in una lettera aperta dopo le infuocate polemiche sollevate sulla nomina a titolo gratuito decisa dal direttore generale del nosocomio di contrada Sperone, Michele Vullo. Ciacio era stato arrestato per fatti di corruzione; nella missiva segnala di essere stato reintegrato in servizio dalla Polizia di Stato prima di andare in pensione nel 2011. La questione è giunta alla Regione. Il presidente Rosario Crocetta rende noto che “La nomina non è stata né concordata, né comunicata al Governo” e stigmatizza il fatto che “Il manager dell’azienda, Michele Vullo, non abbia verificato o abbia ignorato precedenti condanne penali subite dallo stesso Ciacio e proceduto con disinvoltura a tale nomina”. “Il tentativo di coinvolgere politicamente il governo su tali scelte – commenta Crocetta – è totalmente privo di fondamento, l’assessore alla Salute, Lucia Borsellino, ha fatto una richiesta di acquisizione degli atti relativi a tale nomina e se ci dovessero essere responsabilità procedurali nella nomina, riconducibili ai vertici dell’azienda, si procederà in modo tempestivo e rigoroso – puntualizza Crocetta – nei confronti di coloro che nel nominare un responsabile anticorruzione non abbiano rispettato le stesse normative anticorruzione”. E’ molto duro con i responsabili dell’azienda Papardo il governatore. Nella sua lettera al direttore Vullo Ciacio scrive che: “Il polverone sollevato sulla compatibilità a rivestire incarichi a chi ha precedenti di patteggiamento che giuridicamente non è considerato ammissione di colpa è pienamente contemplato nella legge Severino e coinvolge numerosi politici, funzionari e politici amministratori, il mio grande senso di rispetto nei suoi confronti mi spinge a proporre le mie dimissioni dall’incarico di volontario a collaborare con la direzione generale in quanto non voglio rappresentare strumento di quel feroce attacco da parte di svariate componenti sociali che in nome di valori – conclude Ciacio – cercano di distoglierla quotidianamente dalla sua azione cristallina di perseguimento della legalità, trasparenza, anticorruzione”.

Vullo, intanto, ha replicato a Crocetta sostenendo di non prendere ordini e di andare avanti: “Nulla di quanto contenuto nella sua nota corrisponde alla realtà fattuale di quando accaduto, il dottor Ciacio non è stato inserito in nessun gruppo anticorruzione, il sottoscritto era a conoscenza dell’episodio accaduto durante un’operazione coperta e Ciacio è stato reintegrato in polizia, dove ha finito la sua carriera come comandante della stazione Sant’Agata di Militello, ricevendo un encomio per la sua attività dal capo della Polizia”. @Acaffo

(74)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.