Ospedale Piemonte. Il Comitato: “Chiarezza sul suo destino”

ospedale piemontePersiste una grande confusione sul futuro dell’Ospedale Piemonte. «Dalle perentorie dichiarazioni del manager dell’Aoor Papardo-Piemonte, Michele Vullo – afferma il Comitato Salvare l’ospedale Piemonte −, divulgate sia a mezzo stampa che durante dibattiti televisivi, si evinceva in maniera inequivocabile il definitivo smantellamento dell’Ospedale come struttura di emergenza/urgenza dotata delle previste strutture specialistiche sanitarie, alle quali hanno fatto seguito puntuali provvedimenti deliberativi che sono andati verso l’obiettivo della chiusura».

«Si aggiungono, adesso – prosegue −, “fumose rassicurazioni” diffuse da vari politici, amministratori ed addetti ai lavori che sostengono che il Presidio di Viale Europa continuerà ad essere il punto di riferimento dell’emergenza/urgenza cittadina, anche dopo l’accorpamento con l’Ircss Neurolesi».

Per tale motivo, il Comitato e le Organizzazioni e le Forze Sociali, che finora si sono effettivamente battute per la salvezza del nosocomio cittadino, esprimono «grande sconcerto e preoccupazione per la confusione generata».

«A tale proposito – prosegue −, le forze impegnate nella difesa dell’Ospedale Piemonte sfidano tutti gli attori in causa (politici, Sindaco, manager delle due aziende sanitarie) a fare chiarezza una volta per tutte, anche con un confronto pubblico, sulla missione del Nosocomio di Viale Europa».

«Nel frattempo, in assenza di novità rassicuranti – conclude −, si preannunciano una serie di iniziative, quali un info point a Piazza Cairoli e una grossa manifestazione per la difesa dell’emergenza/urgenza dello storico ospedale della città di Messina, che si terrà nella giornata del 22 maggio, dalle 16, dinnanzi il portone centrale del Piemonte».

(312)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *