Messina: collaborazione e innovazione per un’esperienza di turismo integrato

Pubblicato il alle

6' min di lettura

Il sindaco di Messina Federico Basile e l’assessore al turismo Enzo Caruso hanno presentato la collaborazione fra gli operatori turistici di Messina. Questi ultimi hanno presentato i loro servizi per aiutare gli ospiti a scoprire le attrazioni di Messina. Questo non riguarda solo i crocieristi ma anche chi decide di soggiornare a Messina per una vacanza o un evento. Per la prima volta, gli operatori lavoreranno insieme per offrire un’esperienza di turismo integrato a Messina più completa e unica.

“EsploraMe”: la scelta che ti consente di vivere la città

Alla conferenza stampa, il sindaco ha dichiarato di voler creare una città normale, migliorando servizi come i parcheggi e il trasporto. Con l’aiuto dell’assessore Enzo Caruso, sta lanciando “EsploraMe” che sarà disponibile anche online sul sito VisitMe. Si tratta di un’iniziativa per far conoscere Messina a turisti e residenti:  «L’obiettivo è di creare la normalità in una città che per tanti anni non è stata normale. L’abbiamo fatto l’anno scorso con i parcheggi, cercando di dialogare con tutti per trovare soluzioni utili come il passaggio lato mare da parte dei mezzi – ha dichiarato Federico Basile. Quello che ho chiesto all’assessore Caruso è creare uno strumento di scelta che oggi c’è e che racchiude in via sperimentale le esperienze che in città può vivere chiunque, dal crocierista al cittadino. Spesso anche il cittadino non conosce Messina. EsploraMe non è altro che la collaborazione di più soggetti che fanno diverse cose e che si mettono a disposizione della città per scoprirla».

Questo progetto unisce professionisti del turismo per offrire esperienze uniche in città, da attività per i crocieristi a scoperte per i residenti. L’obiettivo è anche coinvolgere le strutture ricettive e creare brochure informative per aiutare le persone a scegliere cosa fare e vedere a Messina: «I professionisti del settore si sono incontrati per creare un percorso in base al quale il turista sa che può fare una determinata attività – continua Basile. Il passo successivo riguarderà anche le strutture ricettive per offrire un’esperienza in città. Si pensa di creare un volantino per consentire a chi viene a Messina di avere una piccola brochure. Dobbiamo creare una scelta che già c’è e che forse non abbiamo comunicato in maniera efficiente. La scelta ti consente di vivere la città dello Stretto».

Caruso: Messina non è una città di passaggio

L’assessore Caruso ha sottolineato l’importanza della collaborazione tra il sindaco e gli operatori turistici per valorizzare Messina e superare l’immagine di una città di passaggio:« È un percorso condiviso che il sindaco sta spingendo tantissimo con gli operatori. Quello che mancava era un coordinamento. Questa città sta cercando di togliersi di dosso l’etichetta di essere di passaggio». Grazie a questa collaborazione, il turismo stanziale e gli albergatori stanno crescendo. Gli operatori offriranno escursioni con itinerari fissati e attività quotidiane come i percorsi ciclabili con QR code per visitare il centro storico:«Cresciamo col turismo stanziale. Crescono gli albergatori. Le piste ciclabili si potranno percorrere con un QR code per visitare il centro storico». L’assessore vede l’amministrazione come il motore di questa iniziativa e suggerisce l’importanza di definire una “DMO” (Destinazione Turistica di una città), identificando punti di forza  unici che rendono la città attrattiva: «oggi è un grande risultato quello che stiamo ottenendo perché si comincia a fare squadra e l’amministrazione è l’olio motore per gli operatori. Dobbiamo definire una “DMO” e lo faremo con gli albergatori, gli operatori e la Camera di Commercio. Scegliere un elemento forte che attiri».

Offrire un servizio di turismo integrato a Messina

Il sindaco ha inoltre sottolineato che la collaborazione mira a offrire un servizio di turismo integrato a Messina. Tutti i servizi e le attività turistiche saranno raccolti in un unico pacchetto. Si potrà accedere attraverso VisitMe e un QRcode disponibile negli alberghi. L’assessore Caruso ha spiegato che gli albergatori avranno alla reception un “cosa fare in città” accessibile tramite QRcode. Inoltre, è stato chiesto agli istituti linguistici di Messina  di tradurre VIsitMe in diverse lingue. Al momento c’è solo l’italiano. Le iniziative sono pensate anche per il Meeting del turismo previsto per giugno.

Gli operatori presenti e le loro offerte

La parola è passata poi agli operatori presenti che hanno spiegato il servizio da loro offerto.

SunSicily: Offre tour in catamarano dello Stretto di Messina per i crocieristi, con itinerari che includono la costa messinese e una sosta pranzo a Scilla. Si concentra sul mare e sullo Stretto come principali attrazioni. La principale attrattiva della città da parte di chi vive il mare è lo Stretto.

Mediterranea Bike: Invitati a unirsi a VisitMe, propongono escursioni in bici verso Capo Peloro o i Colli S. Rizzo, sia con guida che in modalità self-guided.

Centro Moto: Sostiene la sostenibilità con bici muscolari e assistite, offrendo tour con bici retro e cestini, con un’app per chi non ha una guida. Attività adatte anche per famiglie con bambini.

Radio Taxi Jolli: Organizza tour di più giorni e escursioni mirate, collaborando con altri operatori per trasporti e servizi.

Pellegrino Service: Offre trenini turistici e noleggio con conducente. Crede nell’unità tra gli operatori turistici per avere un impatto positivo.

Puleo: Attivi dal 2007 con i trenini turistici, collaborano con diverse attrazioni turistiche per promuovere Messina. Offrono biglietti gratuiti ai residenti di Messina. Credono nella sinergia tra gli operatori per creare nuove opportunità.

Fanno parte del progetto “Esplora Messina” anche Xplore 4×4, Discover Messina e Pesca Turismo Mancuso.

(128)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.