Movida e microdelinquenza: dalla Prefettura più controlli per piazza Cairoli e Villa Dante

Pubblicato il alle

3' min di lettura

Più telecamere e controlli a piazza Cairoli, implementazione del servizio di pubblica illuminazione a Villa Dante: queste alcune delle misure previste dalla Prefettura per contrastare eventuali episodi di microdelinquenza e garantire la sicurezza pubblica a Messina. Il prefetto Cosima Di Stani risponde alle note inviate nei giorni scorsi, come quella del vicepresidente del Consiglio Comunale, Nello Pergolizzi, che chiedeva un presidio fisso delle forze dell’ordine.

Pubblichiamo, di seguito, la nota della Prefettura di Messina:

«Questa Prefettura segue costantemente da tempo le problematiche della sicurezza nel Capoluogo, oltre che nella provincia, e, da ultimo, le stesse sono state oggetto di trattazione nel corso delle riunioni del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica tenutesi presso il Palazzo di Governo in data 9 novembre, 28 novembre, 12 dicembre, 11 gennaio uu.ss., alla presenza, tra l’altro del Sindaco e del Vicesindaco del Comune di Messina, nonché in data 27 gennaio u.s. con l’ulteriore partecipazione di Confcommercio e Confesercenti.

A fronte di alcuni recenti episodi di cronaca, espressione di disagio giovanile e di mancato rispetto delle regole relative all’intrattenimento serale, è stata condivisa peraltro, in sede di Comitato, l’esigenza di attivare misure aggiuntive ad ampio raggio.

In particolare, a Piazza Cairoli, è stata disposta l’implementazione dei sistemi di video sorveglianza (risultano attive 4 telecamere che coprono l’intera piazza), l’intensificazione dei servizi di controllo ad opera dell’Arma dei Carabinieri attraverso le pattuglie appiedate e l’attivazione da parte della Polizia di Stato di un presidio mobile di controllo del territorio tramite un camper operativo anche nelle fasce serali nei giorni di venerdì e sabato.

Per quanto concerne Villa Dante, invece, è stata richiesta l’implementazione dell’illuminazione all’Amministrazione Comunale, che sta valutando appositi interventi nelle more del completamento dei lavori di riqualificazione della predetta struttura.

Parallelamente all’impegno manifestato dalle associazioni di categoria in ordine alla massima sensibilizzazione degli esercenti le attività di intrattenimento serale al rispetto delle regole afferenti alla vendita di alcolici ai minorenni ed alle emissioni sonore, è stato istituito un tavolo operativo che, mediante il coinvolgimento delle amministrazioni e dei soggetti interessati, valuti l’adozione di iniziative volte al contrasto delle manifestazioni di disagio giovanile.

Sotto il profilo sanzionatorio, in relazione a noti gravi fatti di cronaca, il Questore di Messina ha disposto ai sensi dell’art. 100TULPS la chiusura di un locale adibito a discoteca presso il comune di Villafranca. Al contempo, è stata prefigurata l’applicazione dell’art 19 del DPR 616/1977 in merito alla sospensione/chiusura di esercizi commerciali, tra cui i locali di intrattenimento serale, in caso di condotte che incidano sull’ordine e la sicurezza pubblica».

(112)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.