Spazzamento

MessinaServizi affida lo spazzamento ad una ditta di Catania per 130mila euro

Pubblicato il alle

2' min di lettura

MessinaServizi Bene Comune ha affidato il servizio di spazzamento alla Dusty, una ditta di Catania, per la durata di 1 mese, al costo di 130mila euro. È quanto si apprende da una determina a contrarre pubblicata nella serata di ieri, martedì 13 luglio, sul sito istituzionale della Partecipata (ma datata 5 luglio).

Mentre si sta provvedendo ad affidare nuovi compiti a MessinaServizi Bene Comune, tra cui la cura di alcuni dei più importanti impianti sportivi cittadini, come lo Stadio “Franco Scoglio”, la partecipata affida all’esterno il servizio di spazzamento. Perché? Nella determina a contrarre si spiega che tale decisione è stata presa, tra le altre cose, per «garantire la regolarità del servizio di raccolta porta a porta e non distogliere personale da tale servizio». In questo modo, si legge nel documento, dovrebbe essere possibile potenziare il servizio di spazzamento durante il periodo estivo. L’affidamento alla Dusty di Catania è della durata di 1 mese.

In questo lasso di tempo la ditta fornirà a MessinaServizi 20 squadre composte, ciascuna, da due operatori addetti allo spazzamento, che avranno a disposizione «un autocarro leggero, dotato di vasca o similare». Questi lavoreranno dal lunedì al sabato con turni di 6 ore al giorno. Lo spazzamento sarà eseguito in strade ed aree pubbliche o ad uso pubblico. I rifiuti raccolti saranno trasportati e depositati nei vostri contenitori scarrabili a|locati presso l’autocentro di via Salandra in Messina. Il costo del servizio è di 130mila euro.

La determina a contrarre è stata pubblicata sul sito istituzionale di MessinaServizi Bene Comune nella serata di ieri, 13 luglio, ma già nei giorni scorsi la notizia si era diffusa e tre consiglieri comunali del Partito Democratico – Gaetano Gennaro, Alessandro Russo e Antonella Russo –, non trovandone traccia nei siti istituzionali deputati (in particolare nella sezione “amministrazione trasparente” del portale della Partecipata), avevano inoltrato una formale richiesta di accesso agli atti «per avere copia di tutta la documentazione relativa agli affidamenti privati finora effettuati dalla Messina Servizi». Quindi, anche se alla fine la determina a contrarre relativa al servizio di spazzamento è stata pubblicata (sebbene non proprio tempestivamente), la Partecipata dovrebbe fornire nei prossimi giorni i documenti relativi a tutti gli affidamenti privati effettuati fino ad oggi da MessinaServizi Bene Comune.

(460)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.