affidamento franco scoglio

Messina, la Giunta vuole affidare lo Stadio “Franco Scoglio” e il “Celeste” a MessinaServizi

Pubblicato il alle

3' min di lettura

Il Comune di Messina vuole affidare lo Stadio “Franco Scoglio” (o San Filippo), il “Celeste”, l’impianto sportivo Cappuccini e il campo di atletica “S. Santamaria” a MessinaServizi Bene Comune per la manutenzione cura del verde pubblico, guardiania e custodia e per la gestione della parte contabile: è quanto emerge da una delibera di Giunta approvata lo scorso 14 giugno 2021.

Alla base della delibera, la considerazione che attualmente i quattro impianti sportivi di proprietà comunale «non sono gestiti in regime di concessione a privati o le cui concessioni/affidamenti risultano scadute e non rinnovabili». Curioso, a questo proposito, il caso dello Stadio “Franco Scoglio”, oggetto nelle scorse settimane di un’accesa polemica.

La delibera riporta come l’impianto – noto anche come San Filippo e comprensivo del campo da gioco, della foresteria, degli uffici, delle aree esterne – sia stato affidato in gestione alla società ACR Messina fino al 31 maggio 2021. Tale affidamento, si legge nel documento, «risulta scaduto» e «non vi è al momento un altro Concessionario che possa subentrare nel possesso e nella custodia dell’impianto». Questo, al netto del fatto che, in teoria, ci sarebbe una procedura in corso per l’affidamento dello Stadio. Procedura a cui ha partecipato solo la società FC Messina. 

Per quanto riguarda lo Stadio “G. Celeste” e l’impianto sportivo “S. Santamaria”, la delibera specifica che il primo «non risulta in atto assegnato a soggetti terzi», mentre il secondo «risulta privo di qualsiasi atto di gestione/affidamento/concessione in favore di un soggetto terzo». Stesso discorso per l’impianto “Cappuccini”, oggetto di uno scontro tra il Comune e la Società Waterpolo ASD – che lo aveva in gestione. Palazzo Zanca – con nota del Dipartimento Servizi alla persona e imprese – aveva comunicato la risoluzione dell’affidamento, si legge nella delibera, «per gravi inadempienze invitandola al rilascio». Il Tar di Catania ha però recentemente accolto la richiesta di sospensione del provvedimento presentata dalla Società, della quale si discuterà l’8 luglio.

Di cosa si dovrebbe occupare MessinaServizi Bene Comune qualora l’affidamento andasse a buon fine? In sostanza di manutenzione ordinaria impianti sportivi (diversi dalle aree verdi); verifica delle certificazioni di legge e avvio procedure per eventuale aggiornamento e adeguamento; verifica presenza e/o installazione dei dispositivi di sicurezza personali e degli impianti (estintori, defibrillatori, etc.); servizio di custodia degli impianti.

Ma non solo. La Giunta dovrebbe inoltre «dare mandato al Ragioniere Generale di procedere alla nomina della Messina Servizi Bene ComuneSpa della funzione di Agente Contabile per l’incasso delle tariffe di uso degli impianti sportivi da parte delle Società che ne fanno richiesta».

(192)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.