campi da tennis villa dante

Messina. Un milione di euro per Villa Dante, ma restano dei nodi da sciogliere

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Lo ha confermato il sindaco di Messina Cateno De Luca, la Giunta è al lavoro su un progetto da un milione di euro per la riqualificazione di Villa Dante, polmone verde del centro cittadino. Restano tanti però, secondo il consigliere della III Municipalità Alessandro Cacciotto, i nodi da sciogliere, dal «mistero» dei campi da tennis, ancora non fruibili, alle scelte riguardanti la gestione.

In vista dell’ideazione e della realizzazione del progetto, il consigliere di Fratelli d’Italia – che commenta positivamente la notizia – chiede un confronto tra l’Amministrazione comunale e la III Circoscrizione con l’obiettivo di discutere, in prima istanza, della gestione. Per Cacciotto non ci sono dubbi, il grande polmone verde cittadino andrebbe affidato a dei privati, ognuno dei quali si potrebbero occupare di singoli spazi a seguito dell’aggiudicazione tramite gare ad evidenza pubblica.

Tra i punti ancora da chiarire, oltre alla gestione, sottolinea Cacciotto, c’è il “mistero dei campi da tennis”: «Pronti dal 2018, si vorrebbe adesso aspettare per l’apertura il completamento dell‘impianto di pubblica illuminazione e gli spogliatoi. Anche qui il Consiglio della Terza Municipalità non ha fatto mancare la sua proposta: nelle more della realizzazione di spogliatoi ed illuminazione, si aprano gli impianti anche senza spogliatoi e illuminazione».

«La primavera – conclude Cacciotto – consente di sopperire alla mancanza di pubblica illuminazione per gran parte della giornata grazie alla luce naturale e, vista la situazione legata al Covid, è consigliabile anche fare a meno in questo momento degli spogliatoi, la cui costruzione in ogni caso e nelle more non verrebbe impedita dall’apertura al pubblico dei campi».

(Foto di repertorio del 2019)

(113)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.