Messina. Campi da tennis di Villa Dante ripristinati nel 2018, ma non ancora fruibili

campi da tennis villa danteI campi da tennis sul parcheggio coperto di Villa Dante a Messina sono stati ripristinati nel 2018 – con i fondi del Masterplan – ma non sono ancora fruibili alla città.

A dirlo è il consigliere della Terza Municipalità Alessandro Cacciotto. «Una boccata d’ossigeno per tanti amanti della racchetta che tuttavia, nonostante i lavori siano stati completati da tempo, sono ancora impossibilitati ad usufruire degli impianti».

I campi da tennis di Villa Dante

I lavori affidati alla Alkantara Costruzioni di Taormina hanno previsto la realizzazione di tre campi regolamentari, con pavimentazione in resine acriliche multistrato, un materiale di nuova generazione ormai largamente utilizzato per i campi da tennis.

Dopo essere stati smatellati nel 2007 per il parcheggio Zaera, i campi da tennis di Villa Dante sono stati riqualificati già nel 2018. A distanza di due anni, però, non sono ancora fruibili alla città, causa – secondo Cacciotto – per la mancanza di illuminazione e di spogliatoi.

«Nonostante tutto – dice Alessandro Cacciotto – i campi da tennis potrebbero essere sin da subito fruibili dagli sportivi con la luce naturale e senza spogliatoi, anche in considerazione del periodo estivo e del prossimo periodo autunnale in cui le temperature sono normalmente miti e la luce naturale presente fino a tardo pomeriggio».

Caciotto chiede all’Amministrazione di occuparsi della riapertura dell’impianto sportivo in attesa della realizzazione delle opere accessorie. «L’attività di apertura e di chiusura dei campi potrebbe essere affidata ai custodi di Villa Dante. Ciò che insomma non è più concepibile è che un impianto sportivo fruibile da due anni sia ancora precluso alla città. Quanto al futuro dei campi da tennis ritengo che le possibili strade siano sostanzialmente due: gara ad evidenza pubblica o gestione diretta del Comune».

E la Messina Social City?

Altro nodo da sciogliere – secondo il consigliere di quartiere Caciotto – sarebbe la presenza della Messina Social City (ente strumentale del Comune di Messina, che si occupa dei servizi comunali in ambito socio-assistenziale e socio-educativo) all’interno della villa comunale.

«Con riferimento alla gestione diretta del Comune, bisognerebbe capire il ruolo della Messina Social City all’interno di Villa Dante, dopo che il primo cittadino durante un intervento, avrebbe sostanzialmente “benedetto” la partecipata comunale nella gestione del più grande polmone verde della città».

(73)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *