Messina, l’isola pedonale di Torre Faro ancora ferma al palo

Bellavista mare e Pilone, Torre Faro - MessinaÈ ancora ferma al palo la delibera sull’isola pedonale di Torre Faro. Dopo diverse sedute in Aula, la proposta era stata ritirata per apportare delle modifiche e se ne sarebbe dovuto discutere nuovamente in Commissione Viabilità ieri. Ma nulla di fatto – anche questa volta – perché manca il parere del Ragioniere Generale.

Ormai la questione delle pedonalizzazioni temporanee, pensate all’indomani della fase più acuta dell’epidemia da coronavirus per dare una mano ai commercianti e agli imprenditori del centro e della zona Nord di Messina, ha assunto i tratti di un’infinita soap opera. Dopo tre sedute di Commissione e cinque del Consiglio Comunale, la delibera era stata ritirata su richiesta di alcuni membri dell’Assemblea, per apportare degli aggiustamenti. Il documento sarebbe dovuto tornare in Commissione già ieri, lunedì 13 luglio, ma così non è stato.

Perché? Lo spiega il presidente della Commissione Viabilità Libero Gioveni: «Pur avendo inserito all’ordine del giorno della Seduta odierna anche la nuova delibera sulle isole pedonali, non abbiamo potuto discuterla nel merito perché mancante del parere del Ragioniere Generale e perché il Dipartimento competente ha fatto sapere per le vie brevi che dovrà apporre ulteriori modifiche».

Insomma, ci sarà ancora da aspettare. Intanto è già il 14 luglio, il nuovo testo dovrebbe entrare in vigore a partire dal 20 luglio e, per quanto i tempi tecnici potrebbero esserci per arrivare ad approvarlo entro quella data, appare ancora tutto molto incerto. Inoltre, delle pedonalizzazioni temporanee si parla già da giugno. «Si tratta dell’ennesimo episodio spiacevole – conclude Libero Gioveni – che riguarda una vicenda sempre più grottesca per la quale certamente la Commissione non ha responsabilità perché sin dall’inizio ha sempre adempiuto ai propri compiti d’istituto».

(85)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *