Messina. In 150 firmano la lettera aperta per riportare Enrica Carnazza al Dipartimento Cultura

Alcuni cittadini, quelli che chiameremo addetti ai lavori, operatori culturali, artisti, esperti, professori, giornalisti, chiedono di riportare nei suoi uffici del Palacultura la dottoressa Enrica Carnazza, trasferita dal Dipartimento Cultura all’Anagrafe.

Un paio di giorni dopo la notizia, alcuni cittadini hanno firmato una lettera aperta inviata al sindaco Cateno De Luca, all’Assessore ai Fondi Europei e Smart City Carlotta Previti, all’Assessore alla Cultura Vincenzo Caruso, alla Giunta Comunale e ai Consiglieri Comunali.

La Lettera Aperta per Enrica Carnazza

Ai più Enrica Carnazza probabilmente non dice niente, ma chi si occupa di cultura e arte in questa città, anche solo una volta sarà capitato nell’ufficio di Enrica Carnazza. La responsabile dell’Ufficio Giovani Artisti – che negli anni si è occupata per il Comune di Messina di coordinare festival, manifestazioni e progetti di riqualificazione urbana, fra tutti: Distrart – Distretto d’Arte Urbana – adesso è stata spostata dal Dipartimento Cultura all’Anagrafe di una circoscrizione.

Una notizia che a molti ha fatto sollevare dei dubbi. Il provvedimento – secondo gli scriventi – appare dall’esterno privo di motivate giustificazioni. Proprio per questo 150 firmatari hanno pubblicato una lettera aperta, che riportiamo integralmente, per chiedere di ricollocare Enrica Carnazza al suo ruolo:

Egregi Signori,

è notizia di questi giorni che, con un provvedimento che dall’esterno appare privo di motivate giustificazioni, è stato disposto il trasferimento della Dr.ssa Enrica Carnazza dal Dipartimento presso cui ha fin qui prestato servizio in qualità di Responsabile dell’Ufficio “Giovani Artisti” agli uffici amministrativi della Seconda Circoscrizione, assegnando in pratica una validissima Funzionaria ad un front office che si occupa di anagrafe. 

Enrica Carnazza è fin qui stata responsabile dell’Ufficio Film Commission e del GAI (Giovani Artisti Italiani) della Città di Messina, ed è punto di riferimento da almeno 25 anni per i giovani artisti che hanno potuto portare le proprie opere su palcoscenici di livello internazionale. Si tratta, come moltissime autorevoli personalità possono confermare e come gli estensori della presente Lettera confermano, di una vera e propria eccellenza nel non sempre soddisfacente panorama culturale della nostra città, che da semplice Funzionaria comunale è riuscita, tra indicibili ostacoli, a rendere Messina un fiore all’occhiello nel campo dell’arte, con riconoscimenti nazionali e internazionali.

Enrica Carnazza si è sempre contraddistinta come instancabile organizzatrice di eventi artistici e culturali, con una particolare attenzione alla promozione delle attività giovanili e alla scoperta e valorizzazione dei giovani artisti locali. Su suo input, per sua iniziativa o sua diretta progettazione, e sempre su sua costante supervisione, sono sorte alcune delle iniziative artistiche che hanno portato la città di Messina all’attenzione dei più qualificati osservatori internazionali, quali il MAXXI, la Fondazione Focus e altre prestigiose strutture. Ricordiamo in questa sede, a titolo esemplificativo e non esaustivo, i Progetti Distrart, Gemine Muse, La biennale d’arte del Mediterraneo, Moving ‘up, Arte e caffè a cielo aperto.

Alla luce di quanto qui sommariamente richiamato gli scriventi ritengono che il provvedimento di rimozione della Dr.ssa Carnazza, comportando la cessazione della sua ordinaria attività, costituisca oltre che un grave vulnus per l’intero mondo artistico-culturale di Messina anche un oggettivo impoverimento dell’Amministrazione Comunale, che pare rinunciare alle competenze pluridecennali di un’impiegata sempre contraddistintasi per l’imparzialità delle scelte, il rigore metodologico, la riservatezza e l’assenza di qualunque protagonismo, la capacità di dialogare con le Amministrazioni che si sono succedute prescindendo dal colore politico e dagli orientamenti delle stesse.

Gli scriventi non vogliono ipotizzare che il provvedimento che qui si richiama sia stato dettato da una logica ispirata al principio dello spoil system, triste pratica peraltro inspiegabile nel caso in questione, riguardante una fine intellettuale che si è nel tempo guadagnata la stima bipartisan di Amministratori di ogni colore politico.
Chiedono pertanto che il Sig. Sindaco e tutte le Autorità richiamate in indirizzo pongano in essere quanto è in loro potere per riassegnare alla Dr.ssa Carnazza l’incarico che Le ha consentito, nell’arco di un quarto di secolo, diportare lustro al Comune e alla Città di Messina.

Quello che i sottoscritti auspicano è che questo atto possa costituire un primo concreto segnale che per quanti oggi governano Messina la cultura, l’arte e la loro promozione e valorizzazione costituiscano valori irrinunciabili.
I firmatari
1. Sergio Todesco
2. Michela De Domenico
3. Michele Bisignano
4. Chiara Lucà Trombetta
5. Marco Anna
6. Barbara Lanza
7. Cinzia Ferrara
8. Michele Trimarchi
9. Domenico Siracusano
10. Leonarda Virzì
11. Lino Ferrara
12. Monica Musolino
13. Massimiliano Massimiliani
14. Martina Camano
15. Elisa Bonarrigo
16. Valentina Raffa
17. Carmelo Galletta
18. Aristide Ciervo
19. Lea Antoci
20. Alessandro Turchi
21. Daniele Battaglia
22.Dora Casuscelli
23.Chiara Chirieleson
24.Claudio Piccini
25.Lelio Bonaccorso
26.Rita Casdia
27. Pasquale Marino
28.Laura Pittaccio
29.Carmen Mento
30.Maria Pia Rizzo
31. Cinzia Muscolino
32.Tino Caspanello
33.Fabio Franchi
34.Giampiero Neri
35.Federico Alagna
36.Maria Teresa Zagone
37. Daniele Mircuda
38.Monia Alfieri
39.Gigi Spedale
40. Pier Paolo Zampieri
41. Eva Buttà
42.Daniela Migliorato
43.Giuliano Pagliaro
44.Berardino Palumbo
45.Lucia Vento
46.Antonio Alveario
47.Fabrizio Saffioti
48.Anita Magno
49.Paolo Galletta
50.Valeria Alfieri
51. Vincenzo Marchello
52.Manuela Modica
53.Venera Leto
54.Carla Siracusano
55.Daniele Ialacqua
56.Dinah Caminiti
57.Lorenzo Cassarà
58.Basilio Parisi
59.Giulia Corbascio
60. Luciano Fiorino
61. Enzo Bertuccelli
62.Pietro Saitta
63.Rita Simone
64.Claudia Bertuccelli
65.Davide Liotta
66.Roberto Miroddi
67.Giulia Giordano
68.Santino Bonfiglio
69.Luca De Lucia
70.Alessia Borgia
71. Aurora Vitale
72.Valentina Ragno
73. Lucia Florio
74.Romina Currò
75.Barbara Cucinotta
76.Dino Scuderi
77. Pierfrancesco Mucari
78.Luciano Marabello
79.Vittoria Faranda
80. Simonetta Micale
81. Mariangela Pizzo
82.Loredana Raffa
83.Teresa Frisone
84.Giuseppe Risitano
85.Ivana Risitano
86.Raffaella Spadaro
87.Aldo Gatto
88.Giovanna Miano
89.Alessandro Oliveri
90. Francesco Parisi
91. Santo Arizzi
92.Carlo Picichè
93.Domenico Distilo
94.Tiziana Cucè
95.Enza La Rocca
96.Lucia Squillaci
97.Angela Rizzo
98.Nunzio Bonina
99.Elisabetta Reale
100. Cristiana Casuscelli
101. Stefania Scotto
102. Gianmarco Vetrano
103. Domiziana Giorgianni
104. GianMarco Codraro
105. Citto Saija
106. Palmira Mancuso
107. Daniele Pompeiano
108. Angela Russo
109. Giordana Restifo
110. Manuela Caruso
111.Maria De Leo
112. Raffaella Micale
113. Antonina Cardullo
114. Vincenzo Tripodo
115. Mario Benenati
116. Mimma Stornanti
117. Francesco Mento
118. Biancamaria Cordovani
119. Margherita Puccia
120. Marco Lo Curzio
121. Christian Mangano
122. Carmelo Pugliatti
123. Alessandra Mammoliti
124. Filippo De Mariano
125. Santina Alleruzzo
126. Laura Giacobbe
127. Massimo Arena
128. Alessandra Zecchetto
129. Mauro Di Giorgio
130. Barbara Mondì
131. Gabriella Davì
132. Francesco Lollo
133. Giorgia Di Giovanni
134. Christian Bisceglia
135. Daniela Caccamo
136. Sergio Bertolami
137. Antonino Mantineo
138. Giuseppe Manganaro
139. Armando Hyerace
140. Carmelo Romeo
141. Salvatore Presti
142. Livio Bisignano
143. Giovanni Calabrò
144. Francesco Palano Quero
145. Lillo Russo
146. Marco Olivieri
147. Luigi Lupo
148. Domenico Mazza
149. Enzo Palumbo
150. Vincenzo Ciraolo

(295)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *