Bellavista mare e Pilone, Torre Faro - Messina

Il Consiglio Comunale vota “sì”, via libera all’isola pedonale di Torre Faro

Pubblicato il alle

4' min di lettura

È ufficiale: Torre Faro avrà la sua isola pedonale estiva. Il Consiglio Comunale ha votato ieri, mercoledì 26 maggio, la delibera proposta dall’Amministrazione De Luca per la pedonalizzazione del borgo marinaro tra giugno e settembre 2021. A presentare il provvedimento, l’assessore alla Mobilità, Salvatore Mondello, che ha sottolineato l’importanza del provvedimento (anche) come modo per dare un messaggio “culturale” alla città, in favore di un minor utilizzo del mezzo privato e di una mobilità più sostenibile.

La delibera n. 227 “Atto di indirizzo per l’adozione di provvedimenti viabili nel villaggio di Torre Faro limitatamente al periodo 1° giugno – 15 settembre 2021” prevede l’istituzione dell’Isola pedonale nel borgo della zona Nord di Messina attraverso la chiusura al traffico veicolare di determinate strade (più in basso l’elenco completo) e l’utilizzo del Torri Morandi, riaperto sabato 22 maggio, come parcheggio di interscambio in cui lasciare l’auto per poi recarsi all’interno del villaggio utilizzando la navetta messa a disposizione di ATM.

«La delibera – ha spiegato l’assessore Salvatore Mondello – nasce dall’esperienza dello scorso anno e soprattutto da una pianificazione in corso, incardinata nel PGTU (Piano Generale del Traffico Urbano). Abbiamo inteso predisporre, di comune accordo con l’assessore Dafne Musolino, una proposta che ricalchi fedelmente quelle che erano le condizioni previste dal PGTU. Se vogliamo cambiare il paradigma dell’utilizzo della strada dobbiamo dare segnali da un punto di vista culturale. Vi do un dato, sabato e domenica al Torre Morandi abbiamo registrato in totale 15 parcheggi, e lì la sosta è gratuita. Da un lato, la proposta è figlia di alcuni paletti “tecnici” e dall’altro, della volontà di dare un segnale culturale alla città. Ricordo che nel PGTU, che approderà presto in Aula, ci saranno altre isole pedonali permanenti. Se il modello di città che vogliamo è quello di una città del futuro, immagino che questa sia la soluzione migliore per andare avanti».

Presentati 8 emendamenti, ne sono passati 2: il primo a firma dei consiglieri Andrea Argento, Cristina Cannistrà e Giuseppe Fusco del Movimento 5 Stelle, che prevede l’istituzione in tutte le vie di Torre Faro del limite di velocità di 30km/h; la seconda, presentata dai consiglieri Alessandro Russo e Antonella Russo, che prevede una verifica, a 15 giorni dall’entrata in vigore della pedonalizzazione, dell’andamento delle modifiche viarie.

La delibera per l’istituzione dell’isola pedonale a Torre Faro è stata poi approvata dal Consiglio Comunale – nonostante il parere contrario di qualche giorno fa da parte della Commissione competente – con 13 voti favorevoli (Cristina Cannistrà, Giovanni Caruso, Francesco Cipolla, Alessandro De Leo, Giuseppe Fusco, Gaetano Gennaro, Serena Giannetto, Nello Pergolizzi, Massimo Rizzo, Alessandro Russo), 1 voto contrario (Salvatore Sorbello) e 4 astenuti (il presidente Claudio Cardile, Nino Interdonato, Piero La Tona e Francesca Cacciola).

Isola pedonale di Torre Faro: ecco come sarà

La delibera presentata dalla Giunta De Luca prevede due provvedimenti principali.

Il primo contempla l’istituzione, dal 1° Giugno al 15 settembre 2021 di quattro aree pedonali con durata continua (tutti i giorni, feriali e festivi, h 24):

  • nel tratto della via Palazzo compreso tra le vie Pietro Ribaud e via Cariddi;
  • nel tratto della via Cariddi (ex via Nuova) compreso tra le vie  Mangraviti e Palazzo;
  • nel tratto della via Torre compreso tra le vie Rando e Pozzo Giudeo;
  • nel tratto della via Fortino compreso tra le vie Lanterna e Biasini.

Il secondo prevede «il servizio di bus-navetta con partenza ed arrivo al parcheggio di interscambio “Torri Morandi” (aperto lo scorso sabato) e lungo il percorso via Pozzo Giudeo – via Lanterna – via Fortino – via Senatore F.co Arena con biglietto integrato del parcheggio e del bus pari a 2,50 euro/giorno per tutti i passeggeri di ciascuna autovettura».

(471)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.