Michele Vullo

Ex agente in pensione al Papardo per la “Lotta alla corruzione”. Era stato arrestato nel 2005

Pubblicato il alle

1' min di lettura

Michele VulloIl direttore generale dell’ospedale Papardo di Messina, Michele Vullo, ha deciso di dotare il nosocomio di un consulente investigativo, avvalendosi di un ex 007 in pensione dal 2011, Vincenzio Ciacio, originario di Alcamo. 

L’idea – secondo quanto riporta l’Agenzia Ansa – è del neo responsabile del gruppo anticorruzione Carmelo Alma, attraverso la proposta numero 58 del 20 novembre che pochi giorni dopo è stata recepita dal
direttore generale perché l’ospedale necessita di un esperto  di
supporto al nucleo che si occupa dei procedimenti in materia di
trasparenza e lotta alla corruzione. L’incarico è a titolo
gratuito e della durata di un anno.
Ciacio quando nel 2005 era ispettore di polizia in servizio alla sezione investigativa del commissariato di Alcamo finì, insieme al collega Mario Sottilotta, agli arresti domiciliari per tentativo di corruzione: i due a quel tempo lavoravano sotto copertura e furono intercettati al telefono, nell’ambito di un’altra inchiesta condotta dai carabinieri. 

(123)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.