Emergenza covid: il bilancio di Alberto Firenze su un anno di attività a Messina

Pubblicato il alle

5' min di lettura

Sono circa 1 milione e 227mila le dosi di vaccino anti-covid somministrate in un anno nell’area metropolitana di Messina nei 15 centri vaccinali sparsi tra città e provincia, 34.500 le cosiddette “vaccinazioni di prossimità”, distribuite in 85 comuni coinvolti dalla campagna col camper itinerante “Vaccini a km0” per un totale di 415 appuntamenti: sono alcuni dei numeri dell’emergenza covid presentati stamane alla Fiera di Messina in una conferenza stampa voluta dal commissario covid 19 di Messina Alberto Firenze per tracciare un consuntivo del lavoro svolto.

Importanti risultati raggiunti anche per le vaccinazioni domiciliari che sono a quota 15.514 come dosi totali ricevute dagli utenti, direttamente a casa; sui bambini, in pochi mesi, si è raggiunta la cifra di 12.965 dosi. Amplissimo consenso per i vaccini senza ago che sono finora complessivamente 1924 (donne 39% e uomini 61%) con persone venute da tutta Italia (18 regioni coinvolte) dato che Messina, nel luglio del 2021, è stata la prima città al mondo ad effettuarli per adulti. Da oggi, inoltre la città dello Stretto sarà la prima città europea per vaccini senz’ago anche  per bambini e adolescenti, così a partire dai 5 anni chi ha paura della siringa  o è agofobico, potrà ricevere il vaccino con la somministrazione  assolutamente indolore e con un efficace assorbimento. La decisione dopo l’assenso della società pediatrica italiana.

All’incontro hanno preso parte, oltre a Firenze, il commissario straordinario Asp Messina Bernardo Alagna, il presidente regionale Sip Società italiana di Pediatria Giovanni Pajno, la prorettrice dell’Università di Messina Giovanna Spatari, il direttore Dipartimento militare Medicina legale Alfonso Zizza, la direttrice ff del Dipartimento prevenzione Asp Edda Paino, Arturo Maravigna in rappresentanza dell’azienda che ha brevettato l’apparecchio per il vaccino senza ago.

«Per quanto riguarda – spiega Firenze –  le tipologie di vaccini, ecco i dettagli di 365 giorni di attività: 886.892 Pfizer, 54.906 Astrazeneca, 259.863 Moderna e 12.552 Jansenn divise in queste fasce d’età: 7.098 fino a 9 anni, 216.111 tra 10 e 29 anni, 316.906 tra 30 e 49, 217-399 tra 50 e 59, 356.253 tra 60 e 79 e 113.248 over 80. Sul fronte tamponi numeri molto alti: 895.375 rapidi e 169.564 molecolari grazie anche alla rete di laboratori di biologia molecolare tra Messina e i presidi provinciali. E’ stato un anno complicato ma anche ricco di soddisfazioni. Fondamentale  l’attività anche dell’ufficio gestione piattaforme informatiche con 399.921 istanze ricevute per email, 61.106 help desk con tempi di risoluzione entro le 24 ore del 71,27% e entro le 48 ore del 92,39%. Green pass generati: 47.408 da guarigione e 131.241 da tampone oltre naturalmente l’ufficio esenzioni creato dalla struttura commissariale. Numerosissimi eventi, progetti e iniziative per sensibilizzare la popolazione e incentivare l’adesione alla campagna vaccinale: dal marchio “Eolie covid free” con l’obiettivo di garantire una normale stagione turistica nell’arcipelago; ai “Vaccini ai meno fortunati” per soddisfare le istanze dei più deboli; dalle vaccinazioni nei centri commerciali (Parco Corolla a Milazzo e Tremestieri a Messina) a “Le vie del vaccino”, “Le vie del mare”, “VaccinArte” e “Va-Cinema” per unire luoghi turistici, musei, appuntamenti artistici e sale cinematografiche all’importanza del vaccino e potere riprendere una vita normale; da “SportVax” a “SchoolVax” che hanno coinvolto i mondi sportivo e scolastico fino alla farmacovigilanza; dalla “Covid free zone” al “Mi curo di te”, incontri nelle scuole e nei comuni; e ancora i corsi informativi pre-nascita, con gli informatori del farmaco o legati alle donne in gravidanza per informarle su tutto. Importante anchi ai vaccini nelle navi per le Eolie grazie a Caronte Tourist. Da ultimo la pubblicazione di una carta dei servizi, in collaborazione con l’UniMe, e del podcast Health Talk per far rimanere costantemente aggiornati i cittadini su tutto ciò che concerne l’emergenza covid» .

«Un rilievo fondamentale per l’utenza- ha concluso Firenze – la creazione dell’info point che ha evaso oltre 45mila richieste di ogni genere, con un front office aperto tutti i giorni e personale altamente qualificato nel rispondere a qualunque esigenza e problema con professionalità e tempestività».

Importante anche l’attività per garantire i posti letto negli ospedali come spiega il commissario straordinario dell’Asp Bernardo Alagna: «I posti letti covid: ne sono stati garantiti 283 tra Policlinico universitario, Papardo, Piemonte e ospedale di Barcellona. Affronteremo ora – ha aggiunto Alagna – anche l’emergenza della popolazione Ucraina con la Prefettura prevedendo tamponi e vaccini per i cittadini che giungeranno a Messina. Garantendo a tutti la vaccinazione e altri servizi sanitari grazie ai codici e Stp (Straniero temporaneamente presente)».

(56)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.