Coronavirus. Stop dei collegamenti in Sicilia. De Luca: «Meglio tardi che mai»

cateno de luca«Meglio tardi che mai». Così Cateno De Luca commenta il decreto del Ministro dei trasporti, Paola De Micheli, che prevede la sospensione dei collegamenti e dei trasporti ordinari delle persone da e per la Sicilia per prevenire la diffusione del coronavirus.

«Venti giorni fa avevo chiesto di adottare sullo Stretto di Messina le medesima procedure attivate negli aeroporti. Altro che schierare l’esercito, quello che andava schierato da tempo era il buonsenso in sinergia con il sindaco di Messina piuttosto che subire ordinanze che per la specificità dello Stretto si sono rivelate strampalate ed inefficaci. I nostri conterranei hanno il diritto di tornare a casa e la nostra popolazione ha il sacrosanto diritto di tutelarsi. Solidarietà e razionalità con autoresponsabilità da parte di tutti».

Il decreto del Ministro dei trasporti garantisce invece il regolare trasporto delle merci. «Proprio sul versane degli autoarticolati – continua il sindaco di Messina – abbiamo già chiesto di farli transitare solo da Tremestieri, non dalla rada di San Francesco come stabilito da Musumeci con l’ultima ordinanza. Non ci possiamo permetterci i tir in città, ma solo a Tremestieri, con un solo accesso più facilmente controllabile».

«Mi compiaccio infine che nel decreto ministeriale si specifica che sono consentiti gli spostamenti via mare per i passeggeri da Messina per Villa San Giovanni e Reggio Calabria e viceversa, sia per comprovate esigenze di lavoro che di salute o per situazioni di necessità. Sulla vicenda dei pendolari – conclude Cateno De Luca – che con l’ultima ordinanza regionale n.5 del 13/03//2020 sarebbero stati sottoposti a quarantena volontaria, ne ho più volte chiesto la revoca. Tra loro ci sono anche medici che svolgono un essenziale lavoro di contrasto al Coronavirus».

(465)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *