Coronavirus. Musumeci firma l’ordinanza del 19 ottobre 2020: cosa prevede

nello musumeci con la mascherina, presentazione ordinanza coronavirus per la sicilia di settembre 2020Con una nuova Ordinanza – la n.48 del 19 ottobre 2020 – il presidente della Regione Nello Musumeci recepisce le misure disposte dal Dpcm Conte del 18 ottobre 2020 per il contenimento del coronavirus e fornisce alcune precisazioni valide su tutto il territorio della Sicilia per quel che riguarda, in particolare, le sale giochi e le sale scommesse, i centri termali, le strutture ricettive, le attività che svolgono servizi alla persona e i trasporti pubblici.

Nel dare comunicazione della pubblicazione del nuovo documento, il Governatore ha voluto parlare ai siciliani e fare appello alla responsabilità collettiva per limitare una maggiore diffusione del covid-19: «Non siamo in una condizione di emergenza – ha specificato in diretta Facebook –, però non dobbiamo arrivarci. Per evitarlo serve la responsabilità di tutti».

Covid, online l’ordinanza Musumeci del 19 ottobre 2020: cosa prevede per la Sicilia

Di base, la nuova Ordinanza firmata il 19 ottobre 2020 dal presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci si limita a recepire quanto già disposto a livello nazionale dal Dpcm Conte del 18 ottobre 2020, ma con alcune precisazioni riguardanti le attività economiche e i trasporti. Vediamo, nel dettaglio, cosa prevede.

Sale gioco, sale scommesse, centri benessere e altre attività economiche

Il documento precisa che sono consentite le attività di: sale gioco, sale scommesse e sale bingo, strutture termali, servizi alla persona, stabilimenti balneari e strutture ricettive. Per quel che riguarda sale gioco, sale scommesse e sale bingo, l’ordinanza specifica degli orari di apertura e chiusura. Tali attività potranno essere aperte dalle 8.00 alle 21.00.

Trasporto pubblico locale: bus, tram, traghetti, treni ed aliscafi

Per quel che riguarda, invece, i trasporti, l’ordinanza n.48 del presidente Musumeci specifica, innanzitutto (come già previsto dalle precedenti disposizioni) che la bigliettazione a bordo del mezzo è consentita sia per le linee urbane che per quelle extraurbane. Infine, il documento precisa che sui mezzi di trasporto potrà essere occupato al massimo l’80% dei posti a sedere e in piedi per i quali il veicolo è omologato. Queste misure si applicano al trasporto pubblico regionale/locale di linea ferroviario, automobilistico extraurbano nonché al trasporto pubblico non di linea e ai servizi autorizzati (taxi, noleggio con conducente, noleggio senza conducente, sia automobilistico che bus, autobus ai fini turistici, trasporto pubblico funiviario.

L’ordinanza è e resta in vigore dal 19 ottobre 2020 al 13 novembre 2020.

Coronavirus. La nuova ordinanza Musumeci per la Sicilia: il testo in PDF

(6584)

1 Commento

  • caterina ha detto:

    Credo che la situazione in Sicilia sia piuttosto grave. Ogni giorno ci sono nuovi casi, noi docenti pendolari siamo stipati in pullman stracolmi. A scuola entriamo ogni giorno con la paura di qualche contagio, genitori accalcati, senza alcun distanziamento, per lasciare i loro bambini.; almeno a Palermo è cosi. Credo che se la situazione va avanti in questo modo sarà meglio chiudere le scuole ed attivare la didattica a distanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *