commissario covid messina alberto firenze

A Messina il nuovo commissario covid, Alberto Firenze: «I vaccini un’opportunità, sfruttiamola»

Pubblicato il alle

4' min di lettura

Passaggio di testimone all’ASP di Messina, da oggi c’è un nuovo commissario per l’Emergenza Covid-19, che prenderà il posto della dottoressa Maria Grazia Furnari all’Ufficio Straordinario: si tratta di Alberto Firenze, professionista dalla lunga esperienza nel management sanitario.

Chiamata lo scorso dicembre dall’Assessorato Regionale alla Salute per risolvere le criticità riscontrate nella gestione dell’emergenza coronavirus da parte dell’Azienda Sanitaria Provinciale, la dottoressa Furnari lascia Messina dopo 70 giorni di lavoro per svolgere un nuovo incarico all’Assessorato alla Salute. Al suo posto subentra Alberto Firenze.

A introdurre il nuovo commissario e salutare la dottoressa Furnari, il direttore generale dell’ASP, Bernardo Alagna: «Salutiamo la dottoressa Marzia Furnari e la ringraziamo per l’attività lavorativa che ha messo in campo in questi mesi. È palese l’ottimo lavoro svolto dal commissario e da tutta la sua squadra. Messina ha vissuto giorni difficili. Piano piano si è riusciti a risalire in termini di contenimento dei contagi e della diffusività del coronavirus nella nostra comunità sia cittadina che provinciale. Auguriamo alla dottoressa grandi successi nella sua nuova attività lavorativa presso l’Assessorato alla Salute».

«Alberto Firenze – ha spiegato Alagna – è il nuovo commissario scelto da Razza per continuare nel solco già tracciato dalla dottoressa Furnari. Lo presento, ma il suo curriculum sarebbe troppo lungo. È stato il primo commissario covid presso l’Ospedale di Sciacca. È ordinario dell’Università di Palermo, è un igienista. Gli do il benvenuto da parte dell’ASP».

A seguire, la dottoressa Furnari, che ha fatto un po’ una sintesi del lavoro svolto nei suoi 70 giorni da commissario covid Messina: «Oggi lascio Messina. Ringrazio il direttore Alagna che mi ha sempre affiancato. Nel corso di queste settimane abbiamo dialogato con i sindaci della province, abbiamo istituito un coordinamento per le scuole. I cittadini sapranno a chi rivolgersi perché la struttura è stata organizzata in modo chiaro. Il nuovo Commissario avrà una squadra grossa a sua disposizione. È stato importante in questi mesi il lavoro svolto dagli psicologi, l’intuizione di affidare loro il call center per il contact tracing. Abbiamo iniziato la campagna vaccinale, che il direttore Alagna ha seguito dal principio».

«Lascio Messina profondamente arricchita – ha proseguito –, non soltanto per i risultati, che danno soddisfazione, ma anche dal punto di vista personale perché la squadra che si è formata accanto al problema del covid è stata una squadra affiatata. Essendo la direttrice della Programmazione ospedaliera all’Assessorato non abbandonerà comunque Messina».

Infine, ha preso la parola il neo-commissario Alberto Firenze (che si insedierà a breve): «Non sarà facile, chiederò la collaborazione di tutti. Abbiamo un nemico comune, che è il virus, e su questo dobbiamo giocarci la partita. C’è un’emergenza pandemica al 30 aprile, spero non verrà confermata. Questa provincia ha la necessità, più di ogni altra di avere il massimo controllo degli arrivi. Dobbiamo monitorare tutte le azioni legate al piano vaccinale. Le prospettive per fare bene ci sono, proviamo a farlo e a fare bene».

Sulle varianti che preoccupano in questi giorni l’Italia, ha aggiunto: «Le varianti sono una conseguenza della circolazione del virus, la vaccinazione è lo strumento che abbiamo a disposizione per contrastarne la diffusione. Bisogna stare attenti, ma tranquilli per affrontare insieme l’emergenza, le amministrazioni comunali, pubbliche». Sui vaccini ha poi specificato: «I vaccini che sono utilizzati oggi, tutti, lo sono perché sono certificati dall’AIFA. Ci sono differenze di età specifiche, per esempio, per AstraZeneca, ma i vaccini sono validi tutti. Abbiamo delle opportunità, sfruttiamole».

Infine, Alberto Firenze ha fatto appello al senso di responsabilità di tutti per combattere e sconfiggere il virus, evitare gli assembramenti: «Ognuno di noi nella vita quotidiana deve alzare l’asticella. Dobbiamo essere coscienti delle conseguenze delle nostre azioni».

Presenti alla conferenza stampa di presentazione del nuovo commissario, la dottoressa Maria Grazia Furnari e il direttore generale facente funzioni dell’ASP Messina, Bernardo Alagna.

(1453)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.