natale confcommercio

Finalmente è Natale. Confcommercio porta la festa e le luci a Messina

Pubblicato il alle

5' min di lettura

natale confcommercioArriva il Natale anche a Messina. A portarlo sarà Confcommercio con la collaborazione di imprenditori e commercianti (Caronte & Tourist, Barbera, Gbc), cittadini privati, Ordini professionali, Amministrazione comunale.

«Tutti insieme si può fare!» è stato il grido di battaglia del presidente di Confcommercio Messina, Carmelo Picciotto, questa mattina, durante la conferenza stampa nella Sala Consulta della Camera di Commercio, per presentare l’iniziativa “Il Natale a Messina 2014”. «L’idea – ha detto l’assessore alla Cultura, Tonino Perna – ha portato una ventata di ottimismo al Comune. C’erano già 50mila euro stanziati in bilancio per questa festività ma, purtroppo, congelati dalla Corte dei Conti».

Grazie all’iniziativa di Confcommercio, che non sopportava il pensiero di trascorrere un altro Natale sottotono, la città dello Stretto avrà il suo, anzi i suoi alberi, e le sue manifestazioni. L’unione fa la forza, recita un vecchio adagio, e nello specifico gli sforzi si sono concentrati nell’intento di promuovere il sentimento di aggregazione che dovrebbe servire a ridare la necessaria fiducia alla città. La crisi c’è, non è un mistero, ma non si porterà via il clima natalizio, facendo perdere un’altra importante opportunità a Messina. Su questo punto Picciotto è stato chiaro, e ha parlato di un cartellone aperto che darà a chiunque la possibilità di aderire. Il comune denominatore sarà quello che il presidente di Confcommercio ha definito «nuovo metodo di agire e di costruire insieme». In prima linea, dunque, i quartieri,  le associazioni, i commercianti  che hanno voglia di proporre e di proporsi. Si pensa anche di coinvolgere le scuole in un progetto artistico a tema.

È stato grande l’entusiasmo che si respirava stamane alla Camera di Commercio, condiviso anche dal direttore generale di Confcommercio, Caterina Mendolia; dalla presidente del Consiglio comunale, Emilia Barrile, che ha parlato di «progetti e segnali che danno qualità alla città»; dal presidente del II quartiere, Antonino Zullo, e da quello del V, Santino Morabito. Quest’ultimo ha auspicato la convocazione degli Stati Generali del Commercio a Messina e la necessità di una Pubblica Amministrazione funzionante, composta da gente preparata.

Il Natale dei messinesi prenderà il via sabato 13 dicembre, in occasione della celebrazione di Santa Lucia, con la “Festa dell’Accensione”: un momento corale che unirà in una rete di condivisione simbolica il centro e i quartieri cittadini; una sorta di rito di buon auspicio. Alle 20.00 in punto, infatti, l’albero di Natale di Piazza Cairoli si accenderà in contemporanea agli altri più piccoli distribuiti nelle varie circoscrizioni. I messinesi verranno catapultati nel cuore delle feste e ne potranno godere fino al 16 gennaio, dunque oltre l’Epifania. Per l’occasione, anche le navi Bluferries suoneranno all’unisono per salutare l’inizio di un percorso comune, condiviso e che ci si aspetta possa essere gioioso e produttivo. All’accensione dell’albero in centro parteciperà anche Miss Italia, Giulia Arena, che ha dato la sua disponibilità. In ogni caso, il via ai festeggiamenti partirà già alle 18.00, con tanta musica e la “Tombola solidale” nel gazebo del ritrovo Santoro, riservata ai bambini, il cui incasso sarà devoluto in beneficienza. Ma ci saranno anche altre occasioni di svago che rallegreranno il pomeriggio inaugurale messinese: l’esibizione  del Coro della scuola “Albino Luciani”; i suoni dello zampognaro; lo spettacolo degli studenti dell’istituto “Pascoli-Crispi” che intoneranno canzoni natalizie con strumenti a fiato; il concerto gospel del duo Foti-Miraglia. Inoltre, le saracinesche dei negozi rimarranno alzate fino alle 22.00. «Sarà un’occasione – ha detto ancora Picciotto – per mettere insieme famiglie, emozioni e acquisti», per dare respiro – sotto tanti aspetti – a una realtà cittadina che deve tornare a credere in sé. «Vogliamo che i nostri figli – ha dichiarato a questo proposito il vice presidente dell’Ordine degli Avvocati di Messina, Vincenzo Ciraolo – abbiano l’opportunità di vivere, crescere e formarsi in questa città. Abbiamo il dovere di contribuire alla sua crescita e questo è un buon punto di partenza per lavorarci insieme».

Appuntamento, dunque, il 13 dicembre, e questa volta tutti col naso all’insù a contemplare le luci che dovrebbero portare speranza a una Messina martoriata, che vuole iniziare dal Natale per riscattarsi e inaugurare un nuovo ciclo. 

Giusy Gerace

(85)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.