candidati sindaco alle elezioni amministrative messina 2022

Elezioni Messina, i candidati sindaco accettano l’invito di Federico Basile: confronto a Palazzo Zanca

Pubblicato il alle

3' min di lettura

«Il confronto del giorno dopo. Passata la campagna elettorale ho invitato i miei ex avversari a prendere un caffè, per ragionare insieme sul futuro della nostra amata Messina. Non l’aveva mai fatto nessuno, ma c’è sempre una prima volta»: così ha parlato il neosindaco di Messina, Federico Basile, che ha invitato tutti i candidati alla carica di primo cittadino alle elezioni amministrative dello scorso 12 giugno a partecipare a un confronto post-elezioni.

«Sarà l’occasione per un incontro, all’indomani dell’esito della campagna elettorale che ci ha visto avversari, nell’ottica di avviare un dialogo costruttivo finalizzato a favorire il progresso economico, sociale e culturale della Città di Messina» ha aggiunto Basile.

L’incontro si terrà nella mattina di oggi, venerdì 24 giugno, a partire dalle ore 10:00. L’invito è stato accettato da tutti i candidati sindaco: Franco De Domenico (centrosinistra), Maurizio Croce (centrodestra), Salvatore Totaro (FTL) e Gino Sturniolo (Messina in Comune).

Confronto tra candidati sindaco, il primo commento di Franco De Domenico dopo le elezioni a Messina

«Domani (ieri, ndr) – ha scritto in un post su Facebook De Domenico, arrivato terzo dietro a Maurizio Croce – parteciperò al tavolo di confronto che ha convocato. Una scelta in linea con quella che è stata tutta la nostra campagna elettorale e la nostra proposta e concezione di città: inclusione, nuove idee e coraggio. Dalla riunione con il sindaco Basile ci aspettiamo che, segnando un punto di discontinuità con il passato, si voglia ad esempio puntare sull’eccellenza e sulla qualità, con l’obiettivo di valorizzare le nostre bellezze e di divulgarle nel mondo, offrendo un sostegno concreto a chi continua a “fare cultura” nel nostro territorio; si voglia progettare uno sviluppo urbano che permetta finalmente a Messina di riconquistare il proprio mare; ci sia una svolta nei rapporti istituzionali, che permetta al Comune di riacquisire credibilità a livello locale e nazionale».

Il segretario del Pd cittadino ha poi proseguito bacchettando la nuova amministrazione sulla creazione della fondazione Messenion: «L’inizio – continua – non promette bene se si intende ri-proporre la Fondazione Messenion, ennesima e in questo caso inutile partecipata. Ribadiremo che siamo all’opposizione e vigileremo sui conti e su come verranno spesi i fondi destinati ai progetti per la nostra Messina».

Nessun commento è arrivato invece dagli altri candidati, che hanno comunque confermato la loro presenza. Non è ancora chiaro se ci sarà anche l’ex sindaco Cateno De Luca, che si è autocandidato a presiedere il prossimo Consiglio Comunale.

(242)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.