elezioni comunali

Amministrative 2022. Ecco come si vota alle elezioni del 12 giugno

Pubblicato il alle

4' min di lettura

Mancano pochi giorni alle elezioni amministrative 2022. Domenica 12 giugno i cittadini di circa mille comuni italiani saranno chiamati a votare per eleggere il nuovo sindaco, i consiglieri comunali e, naturalmente, anche presidenti e consiglieri delle Circoscrizioni. Messina è uno di questi. Sarà possibile votare dalle ore 7:00 alle ore 23:00.

Dato che le regole per votare sono diverse per i comuni fino a 15mila abitanti e per quelli con più di 15mila abitanti (in cui rientra la città dello Stretto), anche per questa occasione abbiamo creato una guida facile per capire come si vota alle amministrative 2022 a Messina ed eliminare eventuali dubbi sulle modalità corrette per esprimere il proprio voto.

Elezioni amministrative 2022: come si vota?

Domenica 12 giugno ogni elettore che si recherà alle urne riceverà, per le elezioni comunali, due schede:

  • una scheda per votare sindaco e consiglieri comunali;
  • una scheda per votare presidente e consiglieri della propria Circoscrizione.

Per poter esprimere in modo corretto il proprio voto, ogni elettore può votare seguendo quattro diverse modalità che vi mostriamo nel dettaglio con l’aiuto di semplici e chiare animazioni.

Tracciare un segno sul nome di un candidato sindaco

Tracciando un segno sul nome di un candidato sindaco, l’elettore darà la preferenza soltanto al candidato su cui ha apposto la propria “X”. Così facendo il voto non si estende alle liste che lo sostengono.

Tracciare un segno su una delle liste

L’elettore può apporre un segno soltanto sul simbolo di una lista. Così facendo, il voto si estende automaticamente anche al candidato sindaco che la lista sostiene.

Tracciare un segno sul nome di un candidato sindaco e su una delle liste collegate

È possibile anche votare anche tracciando una “X” sul nome di un candidato sindaco e una “X” sul simbolo di una delle liste che lo sostengono. In questo caso il voto verrà assegnato sia al candidato che alla lista scelta.

Tracciare un segno sul nome di un candidato sindaco e su una delle liste non collegate (voto disgiunto)

Per le elezioni comunali 2022 è ammesso il voto disgiunto. L’elettore, quindi, può decidere di tracciare un segno sul nome di un candidato sindaco e uno sul simbolo di una lista diversa da quelle che lo sostengono. Anche in questo caso il voto verrà ritenuto valido e le preferenze saranno assegnate al candidato sindaco ed alla lista scelta.

Come esprimere la propria preferenza per i consiglieri comunali

La preferenza per i consiglieri comunali si esprime scrivendo negli appositi spazi il cognome, oppure il nome e il cognome (in caso di omonimia), dei candidati consiglieri comunali della lista votata. Ogni elettore può esprimere una o due preferenze.

Se si decide di esprimere due preferenze, queste devono essere di genere diverso: un uomo e una donna oppure una donna e un uomo. In caso contrario la seconda preferenza verrà annullata. Non è considerato corretto, quindi, scrivere il nome di due uomini o di due donne: in questo caso resterà valida soltanto la prima preferenza.

Le stesse indicazioni sul come si vota appena illustrate sono applicabili anche per esprimere le proprie preferenze sull’elezione dei presidenti e dei consiglieri delle sei Circoscrizioni di Messina.

Nel caso in cui l’elettore si renda conto di avere sbagliato nel votare, può chiedere al presidente del seggio di sostituire la scheda stessa, potendo esprimere nuovamente il proprio voto. A tal fine, il presidente gli consegnerà una nuova scheda, inserendo quella sostituita tra le schede deteriorate.

(3260)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.