Via Portone Militare. Di chi è la proprietà? Gioveni: «Colpo di scena»

viaPortone militare2Incalza la polemica sulle condizioni in cui versa la via Portone Militare, strada di collegamento fra i villaggi di Camaro e Bordonaro in cui insiste ormai da più di 5 anni una frana. Condizioni che compromettono la viabilità e la sicurezza dei residenti. Il consigliere Libero Gioveni annuncia una «svolta nell’annosa e irrisolta vicenda» della strada in questione. Comune, Provincia o Genio Militare? Di chi è la competenza?

Gioveni, nell’ottobre 2011 aveva presentato un esposto in Procura per conoscere la titolarità dell’arteria; il 29 gennaio scorso si è anche rivolto al Prefetto Stefano Trotta perché «brogliasse definitivamente la matassa».

Dal Prefetto la risposta che ha notificato a Gioveni e al Sindaco che «la strada in questione non è affatto di proprietà del Genio Militare». «Si tratta, quindi – scrive Gioveni in una nota –, di un vero e proprio “colpo di scena”». Grazie a questa lettera del Prefetto, al quale il consigliere comunale rivolge i suoi personali ringraziamenti «per l’impegno e la solerzia profusi, il cerchio si restringe notevolmente».

«Tolto il Genio Militare ed esclusa anche la Provincia Regionale che se ne è occupata fino a qualche anno fa – dichiara il consigliere – la “palla” non può che passare direttamente al Comune, tant’è che lo stesso Prefetto indirizza la sua missiva esclusivamente al Sindaco, intimandogli i necessari interventi “a tutela della pubblica e privata incolumità”».

L’esponente Udc, quindi, si dice soddisfatto per questo primo importante risultato, riconoscendo alla Prefettura un ruolo determinante nell’attribuzione delle competenze e delle responsabilità «che adesso, finalmente, sono inequivocabili».

Gioveni, pertanto, alla luce di quanto emerso, produrrà agli atti della competente Commissione “Protezione Civile” questo ulteriore elemento, diffidando l’Amministrazione a intervenire con urgenza per la definitiva messa in sicurezza dell’importante arteria di collegamento.

(50)

Categorie

Politica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *