Via La Farina, Gioveni: “Parcheggi a spina di pesce per eliminare la doppia fila”

gioveni perplessoL’odiosa abitudine della doppia fila continua ad essere tra le preferite di molti messinesi. Sulla ormai nota tematica interviene il consigliere comunale Libero Gioveni rispolverando una vecchia proposta già suggerita all’amministrazione Buzzanca. Per liberare la via La Farina dai soliti maleducati che lasciano la propria auto occupando parte della carreggiata, l’esponente Udc chiede di realizzare in un tratto della trafficata arteria, degli stalli per il parcheggio a spina di pesce. Una soluzione tampone in attesa che si chiarisca il contenzioso Comune – Iacp che ostacola la realizzazione dell’area parcheggio nei pressi dell’isolato 158.

“Atteso che – prosegue il consigliere – il deterrente migliore per questo scempio giornaliero in via La Farina sarebbe quello certamente improponibile di impiegare ogni giorno una squadra di vigili urbani agguerriti che la setaccino tutta nell’intero tratto Gazzi – Cannizzaro, è evidente come non si possa non pensare a soluzioni tecniche che cerchino di rendere la vita difficile ai soliti trasgressori. Il parcheggio a “spina di pesce”, quindi, produrrebbe senz’altro un doppio beneficio: l’impossibilità per gli automobilisti più indisciplinati di sostare in doppia fila a causa delle più ridotte dimensioni della carreggiata generate dalla nuova disposizione in diagonale dei parcheggi e l’esponenziale aumento di nuovi posti auto (almeno il doppio), ricavati per effetto, appunto, della nuova disposizione planimetrica degli stessi”.

“L’idea – conclude Gioveni che formalizzerà la proposta in Commissione Viabilità – sarebbe quella che in una prima fase sperimentale la stessa proposta si potrebbe delimitare in un primo tratto di via La Farina compreso fra viale Europa e via Cannizzaro, e se questa dovesse produrre i risultati sperati estenderla successivamente nel restante tratto a sud”

(122)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *