Salva Messina. De Luca annuncia: «Le delibere definitive sono 31»

consiglio comunale - messinaLe delibere a supporto della rimodulazione del piano di riequilibrio finanziario in attuazione del Salva Messina saranno 31 e non 40, come inizialmente annunciato. A confermarlo è il Sindaco Cateno De Luca, a conclusione della riunione di Giunta, avvenuta ieri sera a Palazzo Zanca.

A questo punto rimane soltanto da discuterle e votarle in Consiglio comunale. La data di scadenza prefissata per questo passaggio è il 23 novembre.

Ai Consiglieri è data, quindi, appena una settimana per esaminare la documentazione relativa al provvedimento. Tempistiche non convincono il Movimento 5 Stelle, il cui timore è che non rimanga abbastanza tempo per effettuare eventuali modifiche alle delibere; il comitato civico MessinAccomuna ha, invece, sottolineato che la scadenza per la presentazione del piano di riequilibrio è fissata il 9 dicembre e che quindi la discussione si potrebbe prolungare ancora qualche giorno.

Le 31 delibere che verranno presentate in Consiglio comunale sono il risultato di intensi dibattiti con i sindacati, che hanno lavorato per la salvaguardia dei lavoratori delle società Partecipate: in particolare Atm e Amam.

La prima, secondo quanto discusso e concordato durante i tavoli tematici che si sono svolti nei scorsi giorni, verrebbe messa in liquidazione e sostituita con una nuova azienda pubblica, ma con indirizzo giuridico diverso dalla vecchia Azienda Trasporti Messina.

Anche Amam verrà liquidata a patto che i lavoratori vengano indirizzati in un percorso di stabilizzazione a cui l’Amministrazione si è dimostrata ben disposta.

La discussione delle 31 delibere di Giunta in Consiglio comunale, relative al Salva Messina, si svolgerà nei prossimi giorni a Palazzo Zanca e soltanto dopo sarà possibile capire davvero quale sarà il futuro della città.

(135)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *