Saitta candidato sindaco: «Altro che ritardo. Siamo pronti a lottare per Messina»

Antonio SaittaGrinta. È  questa la parola che meglio descrivere l’Antonio Saitta che questa mattina, davanti ad un Salone delle Bandiere gremito di sostenitori, si è presentato ufficialmente come uno dei candidati sindaco di Messina.

«Non voglio sentire parlare di pessimismo – ha esordito Saitta. E’ vero: Messina si trova oggi in una situazione non facile ma noi siamo pronti a scendere in campo per la nostra città. È una chiamata alla responsabilità a cui non potevamo non rispondere».

Così il candidato del centrosinistra motiva la sua discesa in campo. «Metterò, anzi, metteremo a disposizione le nostre competenze, l’amore e la passione passione per Messina per combattere un declino a cui non dobbiamo arrenderci e che non dobbiamo accettare passivamente».

Un declino che, secondo Saitta, dura da anni e per cui è inevitabile chiamare in causa l’Amministrazione Accorinti. «Non sono bastati l’entusiasmo e l’idealismo degli ultimi anni che hanno caratterizzato chi ha governato la città. I risultati ci sono stati ma non sono soddisfacenti. Non è possibile, ad esempio, che lo spazzamento delle strade sia affidato allo Scirocco».

Il filo rosso del nostro programma del candidato del centrosinistra sarà il lavoro. «Messina è una città  fondata sul lavoro dei nostri padri e che dovrà vivere sul lavoro dei nostri figli. Non possiamo più accettare che i nostri giovani lasciano questa città per costruirsi un futuro altrove».

E sull’argomento si è espressa anche il vicesindaco designato Maria Flavia Timbro che ha sottolineato i numeri preoccupanti della fuga dei cervelli da Messina. «Ogni anno sono circa 3mila e 500 le risorse utili che vanno via. Dobbiamo e possiamo ripartire da qui – affermato la Timbro – rimettendo i giovani al centro e fermando questa pericolosa migrazione. Uno dei nostri obiettivi sarà, quindi, rendere Messina una città a misura di giovani».

Altro punto fondamentale del programma si Saitta è la legalità. «Messina deve essere la città della legalità e della lotta a tutte le mafie e alla mentalità mafiosa – ha concluso il candidato sindaco. Non sarà facile ma noi siamo pronti».

Per Antonio Saitta oggi era presente anche la sua squadra, e tanti volti noti della politica messinese: da Pietro Navarra a Beppe Picciolo, da Francesco Palano Quero a Franco De Domenico.

(366)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *