Rischio default: martedì prossimo i tecnici dell’Anci al Comune. Signorino preoccupato per i tempi ristretti

Guido SignorinoSaranno a Messina martedì prossimo i tecnici dell’associazione nazionale Comuni d’Italia per iniziare i lavori di controllo e accertamento del debito comunale. Di ritorno da Roma per la seconda visita consecutiva nel giro di una settimana il vicesindaco Guido Signorino ha spiegato che anche senza firma alla convenzione gli Esperti esterni all’amministrazione potranno osservare i numeri di Palazzo Zanca sospesi tra i 78 milioni di euro di “buco” della ragioneria e i quasi 500 milioni dell’ex commissario Croce.
Una volta certificato il debito la giunta potrà predisporre i correttivi al Piano di riequilibrio finanziario decennale necessario per ottenere il prestito statale e quello regionale per evitare il dissesto. Modifiche che dovranno anche passare al vaglio del nuovo Consiglio comunale. Signorino appare preoccupato: “L’iter non è semplice, mi preoccupano i tempi che sono molto ristretti, considerato che di mezzo c’è agosto e che la data per espletare le procedure è fissata al massimo a inizio settembre, ci stiamo provando”. Da Roma si attende anche l’approvazione in parlamento dell’emendamento che consente ai Comuni come Messina di ottenere una proroga nel correggere i Piani già presentati al ministero degli Interni.

(40)

Categorie

Politica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *