Rete ospedaliera, Picciolo: “Da risolvere il ridimensionamento del Cutroni Zodda di Barcellona”

piccioloIeri soddisfatto, oggi un po’ meno. La nuova rete ospedaliera siciliana promossa dal Governo regionale e approvata  dalla commissione Sanità dell’Ars ha ricevuto il parere favorevole di Giuseppe Picciolo, che oggi non nasconde, invece, qualche perplessità.

Il capogruppo di Sicilia Futura si focalizza sul forte ridimensionamento subito dal “Cutroni-Zodda” di Barcellona che però non sarebbe stato causato da una scelta del Governo Crocetta: “L’approvazione in commissione in tempi europei della rete ospedaliera è una bella notizia ma non possiamo sottacere la grave penalizzazione del “Cutroni-Zodda”, che esce fortemente ridimensionato dalle rigide scelte ministeriali alle quali è stato inchiodato l’assessorato, costretto a presentare un modesto ed improponibile modello di Presidio ospedaliero che andrà quindi radicalmente riformato e/o riproposto. Il “caso” Barcellona nasce dalla tutela dell’incolumità dei pazienti da trasferire dal nosocomio di Milazzo a quello di Barcellona; il Ministero ha infatti ritenuto improponibile la divisione dei reparti perché rischiosa per i pazienti ma al contempo è giusto ricordare che non si può mantenere in vita un mezzo ospedale, dobbiamo quindi ridare una mission al presidio”.

Picciolo invece si dice soddisfatto del resto del Piano, ma si augura in un intervento del Governo che dovrà apporre alcune modifiche a suon di emendamenti: “Buona per il resto la programmazione della rete della Azienda Sanitaria Provinciale (Sant’agata, Lipari e Mistretta), con punte di eccellenza su Taormina e Patti; quest’ultima struttura, nonostante la classificazione di ospedale di Base, per via delle coincidenze della rete dell’infarto e quella dei punti nascita (entrambe allocati a Patti) con relativi reparti collegati, viene notevolmente potenziata rispetto alla sua dotazione base più di un Dea di I livello. Ridimensionato il Papardo dalla perdita del “gioiello di famiglia” Piemonte. Il nosocomio della zona nord della città si vede tagliare molti posti letto e alcune strutture complesse di ottimo livello per accordi interaziendali non tutti condivisi. Discorso a parte per l’hub Policlinico che fa la sua grande parte, ovviamente, con le tante strutture cliniche e didattiche presenti ed operanti. Sovrabbondante l’offerta dell’Irccs Neurolesi-Piemonte, oltre ogni più rosea aspettativa per un giovane e rampante ospedale del centro cittadino.  Nel complesso piccoli errori, alcuni già emendati altri – a mio avviso – emendabili. Tutto bene dunque tranne la “trave nell’occhio” rappresentata da Barcellona che diventa una gravissima criticità da risolvere appena avremo capito la controproposta dell’Assessore, che comunque non si è minimamente voluto sottrarre al confronto su questo tema così importante, sul quale peraltro sentiremo certamente i cittadini per dare loro risposte vere”.

(114)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *