M5S: «Se De Luca si dimetterà, sarà ricordato come uno dei peggiori sindaci di Messina»

gruppo consiliare M5S

A poche ore dal comizio di Cateno De Luca in Piazza Unione Europea, durante il quale il sindaco illustrerà ai cittadini la difficile situazione in cui versa la città e le sue proposte per evitare il dissesto, arriva un duro attacco dei Consiglieri Comunali del Movimento 5 Stelle che attaccano al sindaco su più fronti, partendo dalla questione dimissioni.

«Se Cateno De Luca deciderà di dimettersi non passerà alla storia come il sindaco che ha dichiarato il dissesto, ma rischia di essere ricordato da tutti come uno dei peggiori amministratori che Messina abbia mai avuto». Questo il pensiero dei consiglieri dopo le ultime dichiarazioni del primo cittadino, che ha annunciato di voler rinunciare al suo incarico in caso di default.

De Luca, infatti, ha dichiarato che: «Se non si ottengono almeno 10 milioni di euro annuali di nuove entrate (lotta all’evasione) ed almeno 10 milioni di euro di risparmi annuali sull’attuale bilancio comunale e non si tagliano gli sprechi nelle partecipate non c’è alcuna prospettiva di avere una città normale che possa rialzarsi dal fango nel quale annaspa. Non mi interessa amministrare debiti e non mi interessa amministrare le partenze dei nostri giovani verso terre più fortunate».

Parole che hanno fatto riapparire il fantasma delle sue dimissioni da sindaco e che hanno inevitabilmente riacceso i riflettori sul rinvio della sua conclusione del percorso nel parlamento siciliano, chiestogli da Danilo Lo Giudice per consentirgli di trascorrere vicino alla sua famiglia la recente paternità.
«Non possiamo accettare che le sorti della città vengano messe continuamente in discussione in base agli umori del sindaco, che continua a usare a proprio uso e consumo il suo doppio incarico a Palazzo Zanca e all’Ars: un comodo paracadute nel caso in cui De Luca decidesse di venire meno alle sue responsabilità e alla fiducia che hanno risposto in lui gli elettori», proseguono i consiglieri.

«Nei quasi quattro mesi trascorsi dalla sua elezione, abbiamo assistito a continui proclami, invettive, promesse mai mantenute e post infelici sui social, fra i quali l’ultimo siparietto con il suo “delfino” Danilo Lo Giudice, che alla luce delle ennesime paventate dimissioni appare a tutti ciò che è sempre stato: una gag degna di un film di Pierino».

«Vogliamo ricordare al sindaco De Luca – commenta il capogruppo Andrea Argento – che mancano ormai poco più di 10 giorni al 31 di ottobre, data entro la quale tutti gli abitanti delle baracche dovevano essere sloggiati. A che punto siamo con l’iter del Risanamento? È possibile sapere quanti alloggi sono disponibili? E che fine ha fatto il nuovo bando di Arisme? Ad oggi, ben poco di ciò che era stato annunciato in pompa magra è stato portato a termine, fatta eccezione per il nuovo piano trasporti dell’Atm, del quale, alla luce dei numerosi disservizi e delle continue modifiche, vorremmo conoscere i costi effettivi».

E proprio parlando di ATM i consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle puntano il dito contro l’annuncio di De Luca di voler mettere in liquidazione l’azienda trasporti di Messina. Proprio per domani, infatti, dovrebbe arrivare la delibera.

«Non possiamo infine esimerci – concludono gli esponenti del M5S – dal commentare la prospettiva di mettere in liquidazione l’azienda trasporti: una decisione che deve necessariamente avere il nulla osta del consiglio comunale e che di fatto rende vano l’accordo programmatico sul futuro di Atm previsto dal “Salva Messina”: una manovra fondamentale per il futuro della città che a quanto pare è stata approvata senza avere contezza del reale ammontare dei debiti, sui quali pretendiamo di avere un riscontro certo e immediato».

(426)

1 Commento

  • Angelo scrive:

    Mi fanno ridere questi di 5stelle sono scadenti. Loro non sono capaci di amministrare un condominio. Ignoranti di politica e di amministrazione. Non conoscono nemmeno quale sia il ruolo e la competenza del consigliere comune. Il sindaco ha capacità e competenza e lo ha dimostrato ampiamente. Mi auguro che i 5,stelle scompaiano al più presto hanno già deluso . Sono solo frutto di un voto di protesta e dato dolo per protesta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *