Gli attivisti del M5S solidarizzano con No.Proroga.Rettori e chiedono le dimissioni di Tomasello

beppe-grillo-movimento-5-stelle articoloDopo la condanna del Rettore, lo scandalo di parentopoli all’Ateneo finito nel programma “le Iene”, e la lettera di Tomasello che non accenna a dare le sue dimissioni,  anche gli attivisti del MoVimento 5 Stelle, precari della ricerca nell’Ateneo messinese, insieme agli studenti, prendono le distanze dalle parole contenute nella missiva che il Rettore rivolge al personale universitario. Il passaggio che maggiormente ha fatto indignare gli attivisti 5 stelle ma anche i membri del Comitato No.Proroga. Rettori, e non solo, sarebbe quello in cui Tomasello scrive: «La comunità accademica, tuttavia, si deve interrogare sulle improprie conflittualità che, ancorché limitate, continuano a persistere al suo interno, portando a un inevitabile autolesionismo, e deve saperle individuare e isolare sul piano istituzionale in modo adeguato». «Secondo il rettore, dunque, è inopportuno da parte della comunità  accademica dissentire, anche fortemente, con quanto da lui espresso e rappresentato?» si chiedono i rappresentanti del Movimento. «È noto che l’abbassamento del livello culturale — scrivono nella nota di protesta — produce decadimento sociale e conduce al disastro se non arginato in tempo. George Orwell descrive molto chiaramente questo scenario nel suo “1984”: la distruzione del passato e della conoscenza non permette di guardare al futuro». «Il nostro attuale rettore si è prodigato affinché l’Università di Messina fosse una delle prime ad adeguarsi alla nuova riforma “Gelmini”. Messina ha sponsorizzato molto i concorsi per ricercatori a tempo determinato. L’Università ha anche pubblicato lo statuto di una Fondazione della quale essa è unico socio fondatore. Da un punto di vista politico, non vi sembra strano che il nostro rettore si affanni a creare una fondazione pochi mesi prima delle nuove elezioni per la carica di Rettore? Non è che per caso si sta preparando un esilio dorato da presidente della fondazione per manovrare l’Ateneo per altri anni? In aggiunta, lo statuto della fondazione viene pubblicato pochi giorni dopo la nomina del nuovo direttore generale». «È chiaro — prosegue la nota degli attivisti del Movimento 5 Stelle — che le responsabilità del rettore devono essere dimostrate in sede di giudizio definitivo ma dopo cinque anni di intenso dibattimento è stato accolto pienamente l’impianto accusatorio, disponendo per il Prof. Tomasello 5 anni di interdizione dai pubblici uffici». «Senza volersi sostituire alla Magistratura e rispettando i Magistrati che si sono pronunziati e quelli che si pronunzieranno — concludono —, non possiamo che ritenere deplorevole la reazione scomposta di Tomasello». Pertanto, gli attivisti del MoVimento 5 Stelle Messina si allineano alle posizioni del comitato “No Proroga Rettori”, chiedendo le immediate dimissioni dalla carica di rettore al Professor Francesco Tomasello.

(65)

Categorie

Politica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *