CMdB: “Eller e Ursino due mine vaganti. Accorinti rimedi all’errore”

cambiamo messina dal basso cmdbCon una nota stampa il movimento Cambiamo Messina dal Basso interviene a gamba tesa dopo le dichiarazioni di Luca Eller. L’assessore al Bilancio la scorsa settimana aveva preso le distanze su Facebook dalle dichiarazioni di Accorinti rilasciate durante l’intervista al programma radiofonico “La Zanzara”. CMdB non risparmia critiche neanche a Daniela Ursino, componente della Giunta con delega alla Cultura. Quest’ultima, insieme a Eller, è definita “mina vagante” con il culto dei privati.

Di seguito la nota del Movimento:

A distanza di pochi mesi da allora, a fronte delle competenze tecniche e dei risultati raggiunti dall’assessore Eller, un post sui social in cui lo stesso prende le distanze dal Sindaco e afferma che “Messina merita di più” non fa che confermare le nostre preoccupazioni. Intendiamoci: non crediamo che un dissenso o una critica non possano trovar spazio nella dialettica democratica. Quel post, però, non è che l’epifenomeno di una realtà che denunciamo da tempo: all’interno della Giunta Accorinti hanno fatto ingresso persone (e storie) che col percorso di questa esperienza non hanno molto a che spartire, “corpi estranei” che rendono impraticabile persino ai più convinti sostenitori un’interpretazione coerente e unitaria di questa esperienza. Qualcuno, probabilmente Renato stesso, si era illuso che Eller avrebbe fatto un lavoro meramente tecnico: la realtà ha dimostrato non solo che anche la costruzione di un bilancio è densa di politica, perché è chiamata a scegliere in quali settori, e in quali capitoli di spesa, far passare più pesantemente la mano dell’austerity, ma che l’assessore Eller non è minimamente disposto a risparmiarci le sue idee in tema di Ponte sullo Stretto, Buona Scuola, trivelle, referendum costituzionale, privatizzazione dei servizi pubblici, e che antepone il suo primo credo, il renzianesimo, alla fedeltà alla squadra in cui ha deciso di giocare. Tutte idee legittime, le sue, anche se non uguali alle nostre, ma perché comunicarcele da dentro questa esperienza amministrativa? Il risultato, in termini di comunicazione pubblica, è sotto gli occhi di tutti: un messaggio confusivo e contraddittorio, che a qualcuno dà l’impressione che la Giunta Accorinti sia diventata un trionfo babelico o un teatro dell’assurdo. Da mesi ormai assistiamo ad un’escalation di egocentrismo politico, che è partita dalle immediate accuse di Eller al cattivo lavoro fatto dal precedente assessore al bilancio, è passata dall’evocazione allarmistica del dissesto, è arrivata infine alla confutazione in aula consiliare delle accuse rivolte dal Sindaco alle manovre finanziarie del Governo nazionale. Un tentativo di rappresentazione di sé come eroe infaticabile e salvatore della patria, che nella presa di distanza non solo dalle affermazioni del Sindaco su Renzi e Berlusconi, ma dal Sindaco stesso come uomo politico, ha trovato la sua massima ed ultima espressione. Ecco quindi l’immagine consegnata alla città: l’uomo messianico destinato ad essere anche la vittima sacrificale di gente refrattaria e dalla dura cervice.

Non è questa la nostra lettura delle cose. Noi abbiamo sostenuto l’esperienza di Renato Accorinti credendo fortemente in una possibilità di riscatto dalle politiche finanziarie che da decenni strangolano gli enti locali. Noi abbiamo creduto nelle parole di Renato che in campagna elettorale si diceva disposto a piantare le tende a Roma e a Bruxelles per contrastare l’austerity. Sappiamo che molte delle cose sognate durante la campagna elettorale sono andate diversamente. Con fatica apprendiamo ogni giorno che governare una comunità comporta anche l’accettazione di vincoli e responsabilità. Tuttavia riconosciamo che piccole e grandi scelte nello stesso senso di quei sogni sono state fatte e hanno un peso ed un valore. La Giunta Accorinti ha difeso i servizi pubblici, mentre il trend nazionale va verso la privatizzazione; ha sforato il vincolo del 36%, scegliendo di garantire certi servizi essenziali senza gravare troppo sulle tasche dei cittadini; ha contenuto le dismissioni del patrimonio comunale; ha chiesto a gran voce finanziamenti per le scuole e per la messa in sicurezza del territorio; ha proposto all’ANCI di estendere i piani di riequilibrio fino a 30 anni per dare respiro ai comuni strozzati dai debiti.

Tutto questo, o per alcuni ‘questo poco’, stride con la voce e l’azione di quelle “mine vaganti” che mettono in pericolo il senso stesso di questa esperienza. Eller ed Ursino hanno il culto dei privati, Cambiamo Messina dal Basso opta per la natura pubblica di tutti i beni comuni. Eller ed Ursino hanno un rapporto di subalternità rispetto ai potentati economici e agli uomini che ne curano gli interessi, Cambiamo Messina dal Basso rivendica il diritto all’autodeterminazione di questa comunità cittadina. Tutto questo, o per alcuni ‘questo poco’, stride con la voce e l’azione di uomini che, nel caso di Eller esattamente come nel caso di Leonardo Termini, dimostrano quanto poco valga per loro il rapporto fiduciario con chi li ha scelti.

A Renato chiediamo, non il gesto sdegnoso dell’epurazione, ma l’umiltà di chi ammette i propri errori e sa ripararvi per tempo, prima che sia troppo tardi.

(97)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *