Messina si prepara a festeggiare Sant’Annibale: il programma di domani

busto di sant'annibale in processioneSi festeggerà a Messina, domani, 16 maggio, la ricorrenza della canonizzazione di Sant’Annibale Maria di Francia, durante la quale sfilerà, per le strade cittadine, il Busto Reliquiario. Come ogni anno, saranno centinaia i devoti che arriveranno in pellegrinaggio, per rendere omaggio al “Padre degli orfani e dei poveri” e per ringraziarlo per quanto fece, al suo tempo, per Messina.

Programma festeggiamenti

Domani, mercoledì 16 maggio, alle ore 18 si terrà la Santa Messina, presieduta da Monsignor Cesare Di Pietro, vicario generale della città di Messina, durante la quale vi sarà l’omaggio del Piccolo Coro Antoniano “Placido Vitale”, che canterà l’inno al Santo degli orfani e dei poveri.

Dopo la Messa, il momento più atteso della ricorrenza: la benedizione delle gardenie, in onore del miracolo fatto dal Santo a un fioraio di Cumia. I devoti porteranno, quindi, con sé i fiori, infondendo il loro classico profumo per le vie limitrofe alla Basilica, per poi donarli agli ammalati, ai sofferenti, a coloro che si trovano in difficoltà, affinché S. Annibale faccia sentire loro il conforto e il coraggio per sostenere le prove della vita.

Al termine, verso le ore 19,30 avrà inizio la processione con il prezioso Busto Reliquiario, contenente le preziose reliquie del Cuore di Sant’Annibale. Sarà possibile anche ottenere per tutto il giorno l’indulgenza plenaria, concessa in perpetuo dalla Santa Sede.

Sempre nell’arco della giornata di domani si svolgeranno altre iniziative, per le strade e le piazze limitrofe alla Basilica:

  •  la distribuzione delle tipiche pagnotte “Padre Francia” in piazza Lo Sardo;
  • la distribuzione delle gardenie benedette davanti alla Basilica;
  • lo spettacolo della banda musicale e i tipici fuochi pirotecnici.

Una festa all’insegna della grande devozione e sopratutto della gratitudine a Dio, per aver donato alla Città di Messina un Santo che ha segnato la sua storia ed ha lasciato un esempio di carità, di misericordia e di amore verso i più poveri e gli orfani, verso i miseri e gli emarginati della vita.

(531)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *