“Un piano per la città”: in Galleria il primo pianoforte pubblico di Messina

un piano per la città - pianoforte pubblico nella galleria vittorio emanuele di messinaMusica, Maestro! Oggi la Galleria Vittorio Emanuele ha acquistato un po’ più di vita. Nei giorni scorsi, infatti, è stato collocato tra le sue mura un pianoforte pubblico, messo a disposizione di chiunque abbia voglia di suonare per condividere un po’ di musica e di cultura con la città.

L’iniziativa “Un piano per la città” è nata mesi fa, su proposta dell’ex assessore alla Cultura Federico Alagna in collaborazione con il membro dell’Assessorato Collettivo Antonello Giovanni Renzo, e lo scorso 10 agosto ha visto la luce: «Da oggi Messina ha il suo primo pianoforte pubblico. La delibera che ha formalizzato la collocazione di questo pianoforte è una delle ultime che porta la mia firma come assessore proponente – ha commentato Alagna su Facebook. Dopo tante piccole cose da aggiustare e sistemare, l’emozione è davvero grande nel vedere il pianoforte lì, bello, accordato e funzionante, a disposizione di tutti».

targa di un piano per la città - pianoforte pubblico nella galleria vittorio emanuele di messinaLo spirito dell’iniziativa, le motivazioni che stanno dietro alla proposta e alla sua attuazione sono sintetizzate nelle poche righe riportate sulla targa posizionata sopra lo strumento: «Questo pianoforte è tuo. Suonalo quando ne hai voglia, trattalo con il rispetto con cui tratti gli oggetti di tua proprietà, custodiscilo con la cura che merita. E soprattutto utilizzalo per condividere musica e cultura, per creare momenti di socialità e comunità. Rendiamo più belli e vivi gli spazi della nostra città, sulle note di questo pianoforte».

Insomma, si tratta di un’idea nata per rendere più vivo un luogo della città molto frequentato ma spesso trascurato, con l’obiettivo di regalare bellezza, musica e momenti di condivisione attraverso una cosa semplice come le note di un pianoforte. D’ora in poi, quindi, potrà capitare, passando dalla via Cavour nei pressi della Galleria Vittorio Emanuele, di sentire della musica: «È il vostro, nostro, pianoforte – ha concluso l’ex Assessore alla Cultura. E che la musica abbia inizio».

(1045)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *