La band di Messina La Stanza della Nonna torna con un nuovo brano

La stanza della nonna, band di MessinaÈ stato pubblicato lo scorso 12 ottobre su Spotify il nuovo brano della band di Messina La Stanza della Nonna. La canzone, dal titolo Anima d’idrogeno, arriva dopo la campagna di crowdfunding con cui il gruppo ha deciso di finanziare questa nuova produzione. Una modalità non certo nuova per la band di Messina che aveva già chiesto aiuto ai propri fan sulla rete per finanziare il primo album omonimo.

Anima d’idrogeno, punto di svolta per la band di Messina

Anima d’idrogeno rappresenta un punto di svolta per La Stanza della Nonna per vari motivi. Il primo, più evidente, è la formazione del gruppo che oggi conta cinque elementi: Gianluca Fontanaro alla Voce insieme a Claudio D’Iglio che suona anche la Chitarra. Alle tastiere poi c’è Bruno Di Sarcina, al basso Giuseppe Ruggeri, mentre alla batteria troviamo Antonio Ramires. Ognuno di questi elementi ha contribuito a creare il suono che La Stanza della Nonna ha oggi. Se infatti nel primo disco la band messinese ruotava intorno a sonorità folk, chi ascolterà Anima d’Idrogeno non farà fatica a trovare influssi elettronici e psichedelici che – ci dicono – caratterizzeranno tutto il disco in uscita nei prossimi mesi. Questo cambiamento è maturato negli ultimi anni, passati alla ricerca e alla scoperta di nuove fonti di ispirazione.

Mi ha molto colpito: è più di una canzone cantautorale, il brano ha una energia magica, sottolineata dalla bella voce solista e da una sonorità avvolgente, musica che non ha paura dell’anima e del mito.

Come ad esempio la poesia che ha dato vita ai testi di alcune canzoni. È il caso proprio di Anima d’idrogeno, il cui testo cita liberamente “Le stagioni dell’acqua”, opera del poeta genovese Giuseppe Conte. L’autore dopo aver ascoltato il brano ha scritto: “Mi ha molto colpito: è più di una canzone cantautorale, il brano ha una energia magica, sottolineata dalla bella voce solista e da una sonorità avvolgente, musica che non ha paura dell’anima e del mito.”

Un giudizio che condividiamo e che rende ancora più emozionante l’attesa degli altri brani firmati da La Stanza della Nonna.

(460)

Categorie

Cultura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *