Stangata alla movida messinese: evasione fiscale, lavoratori in nero e spaccio di droga

Foto di una vettura della guardia di finanza a piazza Duomo di notteMessina. Evasione fiscale, spaccio di droga e lavoratori in nero: questo il bilancio delle indagini condotte dalla Guardia di Finanza nell’ambito dei controlli effettuati nella zona centrale e nella zona nord della città.

Le Fiamme Gialle si sono concentrate sulle attività commerciali frequentate soprattutto nelle ore notturne, indagando sulla regolarità delle certificazioni fiscali e sul contrasto allo spaccio di droga.

Hanno, così, riscontrato la presenza di tredici lavoratori irregolari impiegati in attività di ristorazione, come pizzerie, pub e ristoranti e cinque violazioni per mancato rilascio di scontrini e ricevute fiscali. Le sanzioni minime ammontano a 500 euro.

Le indagini sullo spaccio di droga sono, invece, state condotte nei locali del centro cittadino, tra Piazza Municipio e lo sbarco dei traghetti che collegano la Sicilia con il resto d’Italia. La Guardia di Finanza, con l’ausilio di cani antidroga, ha scovato quattro soggetti in possesso di sette grammi di marijuana.

(861)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *