Mezzo chilo di cocaina nascosti in un passeggino e 200 munizioni: un arresto a Messina

Pubblicato il alle

2' min di lettura

I Finanzieri del Comando Provinciale di Messina, nel corso di un servizio d’istituto volto alla repressione del traffico di sostanze stupefacenti, hanno sequestrato mezzo chilo di cocaina e 200 munizioni di vario calibro, arrestando, in flagranza di reato, il corriere che ha effettuato il trasporto.

In particolare, le Fiamme Gialle peloritane, nell’ambito della quotidiana azione di controllo economico del territorio, hanno sottoposto a controllo un soggetto di origine calabrese a bordo di un’autovettura, notato aggirarsi, con fare sospetto, in quartiere periferico della città dello Stretto. Nel corso del controllo, i militari si sono avvalsi del prezioso contributo del cane antidroga Haidy che, appositamente addestrato in questo tipo di servizi, ha da subito rivolto la sua attenzione ad un passeggino per bambini riposto nel portabagagli del veicolo. Dopo un attento esame della carrozzina, i Finanzieri scoprivano che al suo interno erano stati occultati nr. 1 panetto da mezzo chilo di sostanza stupefacente del tipo cocaina e ben nr. 200 munizionamenti destinati, verosimilmente, ad esponenti di spicco della locale criminalità organizzata.

Sulla base delle risultanze investigative, che dovranno comunque trovare conferma in dibattimento e nei successivi gradi di giudizio e fermo restando il generale principio di non colpevolezza sino a sentenza passata in giudicato, il soggetto controllato è stato tratto in arresto, in flagranza di reato, per le ipotesi di reato di traffico di sostanze stupefacenti e detenzione abusiva di munizioni e, successivamente, associato al carcere di Gazzi. La droga sequestrata, venduta al dettaglio, avrebbe fruttato alla criminalità illeciti introiti per un ammontare stimato di oltre 200.000 euro.

L’operazione svolta testimonia il costante presidio esercitato dalla Guardia di Finanza di Messina sul territorio a salvaguardia delle leggi ed a contrasto di un fenomeno di grave impatto sociale, quale il traffico e lo spaccio di sostanze stupefacenti, che costituisce peraltro, come ormai documentato da numerose operazioni di polizia, una delle primarie fonti di finanziamento della locale criminalità organizzata.

(221)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.