Droga: stangata a ‘holding’ dello spaccio, 19 condanne

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Il gup Daniela Urbani ha inflitto 19 condanne per un totale di circa 146 anni di carcere nel processo, svoltosi con il rito abbreviato,  scaturito dall’operazione “Vicolo Cieco”. Secondo l’accusa, c’era un’organizzazione, strutturata come una holding e radicata nel rione di Mangialupi, in grado di gestire una vasta attivita’ di spaccio di droga. Fiumi di stupefacenti che arrivavano dalla Calabria. Disposta anche una assoluzione.

Il gup ha condannato Alfredo Trovato, considerato il capo dell’organizzazione, a 18 anni e 4 mesi di reclusione, Giuseppe Arena, che secondo l’accusa era il suo braccio destro, a 17 anni e 2 mesi, mentre Salvatore Gangemi e’ stato condannato a 9 anni e 4 mesi. Condanne che oscillano tra i 4 anni e gli 8 anni e 4 mesi per tutti gli altri. Assoluzione per Antonino Casablanca.

L’operazione “Vicolo Cieco” scattata a dicembre 2014 e’ il risultato di un’indagine condotta dalla Squadra mobile che aveva nascosto telecamere e microspie camuffandole tra la vegetazione di un vicoletto dove gli indagati parlava liberamente credendo di non essere ascoltati. Sia le intercettazioni che le dichiarazioni di collaboratori di giustizia fecero emergere un’intensa attivita’ di spaccio di droga gestita da un’organizzazione che poteva contare anche su custodi della droga e su una rete dello spaccio.

(289)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *