“Tu mi lasci, io ti strappo una ciocca di capelli e ti sfregio l’auto”. Arrestato per stalking

1423917512-stalkingI Carabinieri di Lipari, con l’arresto di ieri, mettono fine all’incubo di una 20enne di Lipari che da circa due mesi subiva una vera e propria persecuzione. L’arrestato, infatti, non ha mai accettato che la sua storia d’amore con la vittima potesse essere finita per sempre. Un storia d’amore conclusasi a metà dello scorso gennaio ma che, evidentemente, aveva fatto perdere completamente la testa al giovane.

Nel disperato tentativo di riavvicinarsi alla ragazza,  lo stalker ha così iniziato a tempestarla di messaggi e telefonate. In alcuni messaggi vocali e immagini inviati via “whatsapp” il ragazzo si è sbilanciato in chiare minacce e intimidazioni, in alcuni casi trasmettendo foto di coltelli che a suo dire avrebbe usato contro la giovane in caso di un ennesimo rifiuto. L’escalation di violenza ha portato il ragazzo a passare in poco tempo dalle parole ai fatti. Così, in due diverse occasioni, lo stalker ha inseguito la vittima per strada e le ha tagliato delle ciocche di capelli come gesto di “sfregio”. La persecuzione ha riguardato anche beni mobili della vittima, infatti, in un’occasione la macchina della ragazza è stata danneggiata attraverso la rottura degli specchietti e graffi sulla carrozzeria. Nel folle tentativo di creare un pretesto per un incontro e un conseguente immaginario “chiarimento”, il giovane innamorato ha addirittura commesso un vera e propria rapina, raggiungendo la donna in strada e strappandole dal collo una collanina d’oro mentre in altre circostanze ha perfezionato dei furti rubando monili in oro e accessori tecnologici.

Nella serata di ieri i Carabinieri di Lipari hanno tratto in arresto il 20enne sottoponendolo alla misura cautelare degli arresti domiciliari poiché ritenuto responsabile dall’Autorità giudiziaria di minacce, danneggiamento, ingiurie, violenza privata, “stalking” o atti persecutori, nonché di danneggiamento di una vettura, rapina e furto.

(148)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *