Orgoglio messinese. Martina Caruso è la chef stellata più giovane d’Italia

martina caruso chefMartina Caruso è la chef stellata più giovane d’Italia. Ha 28 anni ed è nata e cresciuta a Salina, dentro l’hotel – ristorante di famiglia. Da piccola non aveva idea di come si facesse nemmeno un uovo fritto tanto che, quando a 15 anni, propone alla famiglia di trasferirsi a Cefalù per frequentare l’Istituto alberghiero, lascia tutti a bocca aperta.

In realtà però l’essere figlia d’arte aveva già lasciato il segno in Martina Caruso e i pomeriggi trascorsi in cucina col papà hanno indirizzato il suo percorso.

Le abbiamo fatto qualche domanda per capire come si raggiunge un traguardo così importante.

Qual è la formazione che hai seguito per raggiungere questo risultato?

«Dopo la scuola alberghiera mi sono trasferita a Roma per frequentare il corso di cucina professionale del Gambero Rosso. Durante l’estate lavoravo al ristorante con papà mentre in inverno partivo per frequentare stage: da Antonello Colonna a Roma, al Rex a Vico Equense. Da Gennaro Esposito e poi a Londra da Jamie Oliver».

Come funziona l’assegnazione delle stelle?

«Le stelle vengono assegnate dalla guida Michelin ed in realtà è tutto abbastanza semplice. Sono venuti al ristorante diverse volte e alla fine mi hanno premiato con la stella».

La donna più giovane stellata. Cosa ha comportato per te?

«Tanta emozione, ma è un lavoro che si raggiunge in squadra. Ho sentito il peso di questo riconoscimento anche se l’isola è un ambiente ristretto e quindi sono più tutelata».

Qual è il tuo miglior piatto?

«Il piatto che mi viene meglio è uno spaghetto aglio, olio e peperoncino, il mio preferito è sempre la pasta. Ma in questo momento i piatti per cui sono più famosa sono il gelato al cappero e la bagna càuda con i ricci di mare».

Quanto c’è della Sicilia nei tuoi piatti?

La mia è una cucina abbastanza mediterranea, per il 90% sono prodotti siciliani e possibilmente di Salina. Anche se viaggio e cerco sapori da contaminare perché in fondo anche la storia della Sicilia è fatta di contaminazione.

Un consiglio per chi desidera diventare un cuoco di successo

Viaggiare e poi tornare nella propria terra per portarla avanti. Restare umile, perché non si arriva mai.

Martina Caruso ci ha salutato facendoci un regalo speciale: la sua ricetta di maggior successo, per tutti coloro che vogliono mettersi alla prova ai fornelli!

bagna cauda martina caruso

Bagna càuda con Ricci di Mare

Ingredienti:

800gr latte

300gr panna

4 spicchi aglio senza l’anima

170gr pasta acciuga o filetti spezzati

500gr patate lesse

20 ricci

Mettere in un pentolino tutti gli ingredienti tranne i ricci. Portare a ebollizione e poi frullare molto bene con il frullatore a immersione.

Mettere nel piatto la crema di bagna càuda e porre sopra la polpa di ricci, un filo d’olio e un giro di pepe nero.

(2258)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *