Incendi a Messina: si contano i danni per individuare le zone a rischio idrogeologico

Incendi a MessinaA Messina inizia la conta dei danni arrecati al territorio dagli incendi disastrosi di queste ultime settimane.

L’assessore alla Protezione Civile, Sebastiano Pino e l’assessore alla Difesa del Suolo, Sergio De Cola, con l’aiuto dell’ordine dei geologi, hanno rilevato le zone a maggior rischio idrogeologico.

«Le attività hanno consentito – precisano gli assessori Pino e De Cola – la perimetrazione delle superfici percorse dal fuoco. Abbiamo riservato maggior riguardo ai territori interferenti con i sistemi idrografici e con le aree urbanizzate. L’obiettivo è di mappare le aree più significative e gli effetti derivanti dagli incendi sul patrimonio urbano-boschivo e sulle colture agricole».

Questo tipo di rilievi è assolutamente fondamentale per poter realizzare una prima stima realista dei danni provocati dagli incendi a Messina.

L’obiettivo principale, negli ambiti della Protezione CivileDifesa del Suolo, riguarda la prevenzione da attuare in materia di rischio idrogeologico e potrà essere conseguito, in un secondo momento, attraverso l’individuazione puntuale delle zone più critiche.

«Le aree con maggiori criticità dal punto di vista idrogeologico saranno poi – concludono Pino e De Cola – oggetto di programmazione di interventi mirati di tipo idraulico-forestale, volti alla protezione, prevenzione e mitigazione del dissesto».

(60)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *