Giardino di Montalto: novità sulla revoca della concessione a PuliAmo Messina

Si torna a parlare della questione riguardante il Giardino di Montalto. PuliAmo Messina ha pubblicato, ieri, un aggiornamento riguardo la vicenda che ha portato l’assessore all’Ambiente, Dafne Musolino, a revocare la concessione dello spazio all’associazione.

Il motivo della revoca è stato l’evento “Escape Garden“, organizzato da PuliAmo Messina per Halloween. L’iniziativa, infatti, è finita nel mirino del parroco della chiesa di Montalto, Don Lorenzo Campagna. All’annullamento dell’evento è seguita la chiusura del Giardino.

I volontari, dopo aver fatto richiesta, hanno ottenuto ieri un incontro con la Musolino: «Abbiamo avuto modo di esprimere le vicende secondo il nostro punto di vista – hanno spiegato i volontari – e chiarire i diversi richiami che hanno portato alla diffida di giorno 30 ottobre; è stata inoltre occasione per presentare ufficialmente l’associazione alla nuova Amministrazione comunale e mostrare, attraverso documentazione fotografica, l’enorme impegno profuso dalla No Profit all’interno del parco».

Il risultato dell’incontro non è positivo, ma neanche negativo: «L’assessore, pur confermando la correttezza del provvedimento – si legge nel comunicato stampa – prende atto della nostra posizione e della bontà delle nostre azioni, mosse in assoluta buona fede e senza l’obiettivo di recare danno ad alcuno. L’esito della sospensione verrà quindi discusso nei prossimi giorni per la sua definitiva risoluzione, che avverrà comunque non prima del termine dell’evento “villaggio di natale” previsto al giardino di Montalto dove, fino ad allora, l‘atto di diffida rimane a tutti gli effetti valido».

Anche se a gennaio 2019 i volontari non dovessero ottenere la nuova concessione, non si arrenderanno: «PuliAmo Messina continuerà a vigilare sull’importante polmone verde del centro storico, affinché la collettività possa continuare a godere delle sue splendide terrazze panoramiche, per troppo tempo negate alla libera fruizione».

(227)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *