stadio franco scoglio

Stadio “Franco Scoglio”, De Luca: «Pronto il 20 agosto»

Pubblicato il alle

4' min di lettura

Si preannuncia un’estate, l’ennesima, caldissima in riva allo Stretto. Con l’approdo dell’ACR Messina in Serie C l’attenzione dei messinesi ricomincia a spostarsi sul calcio cittadino, in procinto di tornare nel professionismo dopo un digiuno durato quattro anni. Il Messina ha inoltrato regolarmente la sua iscrizione al prossimo campionato di terza serie, presentandosi, a nome del direttore generale Pierluigi Di Santo, nella sede di Firenze con la domanda di ammissione per cui è stata concessa una proroga a seguito dei rinvii che hanno allungato l’ultima stagione calcistica. Irrisolto, ma solo per il momento, il nodo stadio, per cui la Lega Pro ha concesso ai peloritani una deroga, dal momento che lo Stadio Franco Scoglio è inagibile.

Il patron Pietro Sciotto si è recato nei giorni scorsi a Vibo Valentia insieme all’assessore allo Sport Francesco Gallo, dove ha potuto ultimare le pratiche per l’individuazione dell’impianto in cui il Messina dovrebbe disputare le prime partite, lo stadio “Razza”. Il “Franco Scoglio”, quindi, non è ancora omologato per la Serie C. I lavori urgenti, annunciati dal sindaco di Messina Cateno De Luca, verranno realizzati in queste settimane e consisteranno nell’installazione dei tornelli e delle telecamere di videosorveglianza, la manutenzione dell’impianto elettrico, il sistema antincendio e il Gruppo operativo di sicurezza, oltre ad alcuni lavori minori previsti all’interno della struttura.

È proprio il Primo cittadino a rassicurare l’ambiente con una delle sue solite dirette Facebook in cui ha affrontato l’argomento stadio, dando dei preziosi aggiornamenti sul cronoprogramma dei lavori, che ammonteranno a 500.000 euro. «Riteniamo che il 20 agosto l’impianto possa essere pronto» ha detto De Luca. In un primo momento, la fine dei lavori era programmata per il 10 agosto, in modo da ottenere il nulla osta della Commissione provinciale di vigilanza e poter così giocare il primo turno di Coppa Italia il 14, ma adesso il Sindaco ha allungato di poco più di una settimana i tempi, ritardo che non dovrebbe comunque andare oltre.

Cronoprogramma, dunque, che dovrebbe subire delle modifiche, ma De Luca promette un sopralluogo allo Stadio Franco Scoglio già la prossima settimana e ribadisce l’impegno del Comune nello stanziare le risorse necessarie per l’agibilità dell’impianto, adesso gestito da Palazzo Zanca. Dovrebbero essere 6.900 i posti a sedere disponibili, una volta superato l’ostacolo agibilità, un numero lontanissimo dai 38.000 totali che rimarranno un ricordo degli anni della Serie A.

Inizia la preparazione della stagione 2021-22

In casa ACR energie destinate interamente alla preparazione della prossima stagione anche e soprattutto dal punto di vista sportivo. Attesa la conferma del direttore dell’area tecnica Cocchino D’Eboli, artefice della promozione dal dilettantismo. Il punto fermo della squadra rimane la guida tecnica di Raffaele Novelli, un altro dei protagonisti della cavalcata in Serie C che avrebbe ricevuto già prima della fine del campionato svariate proposte per allenare. Il ritiro della rosa dovrebbe iniziare verso fine mese, intorno al 26-27 luglio, in un luogo ancora da definire tra la Sila e la Sicilia. Il 4 agosto la Lega pubblicherà il calendario definitivo della stagione 21/22, che dovrebbe partire ufficialmente il 29 agosto.

stadio franco scoglio

Diversi, intanto, i profili di mercato sondati da D’Eboli, già in contatto con alcune società di Serie A per portare in biancoscudato alcuni under e pronto ad aggiudicarsi qualche over di primo piano. Piacciono i messinesi Rizzo della Triestina e Crimi della Reggina, quest’ultimo corteggiato anche da altre compagini di C, come riporta il Corriere dello Sport. Assalto da parte dell’Arezzo per il vicecapitano Domenico Aliperta, mentre il capitano Pietro Arcidiacono spera di poter giocare ancora un altro anno, il terzo consecutivo a Messina.

Dovrebbero infine restare in riva allo Stretto il bomber Ciro Foggia, capocannoniere dello scorso girone I di Serie D con 20 gol, e l’estremo difensore romano Leonardo Caruso, arrivato nell’ultima sessione invernale di calciomercato.

(192)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.