Rugby- Commissariato il Comitato Regionale Siciliano F.I.R

Pubblicato il alle

2' min di lettura

RugbyVenerdì 18 gennaio u.s. il Presidente della Federazione Italiana Rugby, Alfredo Gavazzi, con la Delibera Presidenziale n°9  immediatamente esecutiva (consultabile sui portali ufficiali www.federugby.it e www.sicilrugby.com), ha sciolto gli organi del Comitato Regionale Siciliano nominandone Commissario Straordinario il Dott. Orazio Arancio. Alla luce di quanto alcune voci sosterrebbero in merito alle dinamiche del suo insediamento, il Commissario Arancio ha affermato: «Alle 8.30 della giornata di sabato 19, mi sono recato presso il Comitato Regionale per ottemperare alla delibera federale. All’interno della sede si stava svolgendo il previsto Corso allenatori di Primo Momento, e alla presenza dei Tecnici Regionali Tito Cicciò e Giuseppe Berretti ho preso possesso degli uffici. Il primo atto da me compiuto è stato quello di sostituire le serrature dell’ufficio. Tale sostituzione è stata effettuata senza alcuna effrazione, come può essere confermato dai Tecnici presenti. Tale atto era dovuto a tutela della Federazione Italiana Rugby e del Comitato Regionale commissariato. Mi riservo di agire nelle sedi opportune con i provvedimenti del caso a tutela dell’immagine mia, del Comitato Regionale e della Federazione Italiana Rugby. Faccio appello alla sensibilità delle Società siciliane al fine di creare un clima pacifico e collaborativo che permetta, nel periodo del commissariamento, di affrontare e risolvere le emergenze del rugby siciliano, in particolar modo in tema di campionati ed  obbligatorietà, con l’obiettivo di assolverle raggiungendo, se possibile, anche i premi previsti dalle norme federali».

Il  Commissario Arancio è già al lavoro con l’obiettivo di fare, nel minor tempo possibile, una “fotografia” della situazione organizzativa, operativa e amministrativa del Comitato, operazione a cui le Società possono partecipare inviando alle coordinate abituali del Comitato due o tre segnalazioni tassativamente corredate di possibili soluzioni. 

(28)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.