Pallavolo- La Pallavolo Messina sfida Cosenza per centrare la sesta vittoria consecutiva

Pubblicato il alle

2' min di lettura

PallavoloSecondo trasferta consecutiva per la Pallavolo Messina, che dopo aver battuto a domicilio Monterotondo sfida Cosenza per la decima giornata del campionato di B1 (domenica 23 dicembre, ore 18). Il morale è alto, determinato dalla quinta vittoria consecutiva ottenuta e dal terzo posto solitario che premia gli sforzi della società giallorossa. Un momento che tutto l’ambiente vuole godersi e prolungare il più possibile. Gli atleti guidati da Gianpietro Rigano restano però con i piedi per terra: “Il nostro obiettivo resta quello di ottenere la salvezza il prima possibile – afferma il centrale Yuri Testagrossa -. Poi vedremo cosa sarà possibile fare. Ci divertiamo a giocare insieme, questo è senza dubbio un punto di forza”.

Dalle titubanti prime giornate alla risalita caratterizzata da successi importanti, come quelli con Casandrino e Casarano in casa. Cosa è cambiato? “Essendo una squadra nuova ci è voluto del tempo per trovare un certo affiatamento e rodare i meccanismi di gioco – spiega Testagrossa -. Ora riusciamo a fare delle cose  con semplicità”.

Dicevamo, De Seta Casa Cosenza prossimo avversario, squadra che la Pallavolo Messina ritrova dopo il doppio confronto dello scorso anno in B2. La compagine calabrese ha in questo momento solo 9 punti in classifica contro i 17 del club del presidente Muscolino, ma è una formazione che in casa è sempre temibile. Finora tra le mura amiche ha conquistato tre vittorie (Potenza, Reggio Calabria e Monterotondo) e una sconfitta (all’esordio con Castellana). Nell’ultimo turno ha invece subito un brutto ko ad Altamura, che sicuramente i silani vorranno vendicare. “Affronteremo un team dal rendimento altalenante – dichiara Testagrossa -, ma composto da ottimi giocatori che dovranno controllati con la massima attenzione. Noi, come ci chiede il mister, scendiamo sempre in campo per ottenere i tre punti. Lavoriamo puntando al massimo, speriamo di fare bene”.

(42)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.