Pallavolo- Il Savio si aggiudica il derby con la Noma Volley

PallavoloIl Savio riesce a conquistare una preziosa vittoria in chiave salvezza sul campo della Noma Volley. Non è stato un derby di facile interpretazione quello andato in scena al Pala Ceramica di Santo Stefano Camastra ma, sia pure con qualche patema nel finale, le ragazze dell’allenatore Domenico Costantino sono riuscite a portare a casa i tre punti in palio che danno ulteriore consistenza alla propria classifica .

La Noma ha disputato una prova gagliarda e generosa riuscendo a mettere in difficoltà le gialloblu nonostante la formazione di emergenza. Solo otto atlete a referto tra le locali con Mario Porretta che nel corso del match doveva rinunciare a Gabriella Mercanti, costretta a uscire dal parquet per un colpo involontario ricevuto al ginocchio. Ma nonostante le ovvie difficoltà e il rimescolamento delle carte sotto l’aspetto tattico, ha saputo tenere testa alla compagine salesiana per tutti e quattro i set.

Il Savio di contro ha giocato una gara con qualche pausa di troppo, alternando fasi di gioco di buon livello ad inattesi passaggi a vuoto ma non ha mai perso la lucidità in campo, riuscendo con cuore e determinazione a superare i momenti difficili.

Il primo set  vede la Noma condurre con un buon margine, poi l’infortunio della Mercanti fa saltare gli equilibri della squadra. Ingrosso e compagne prendono fiducia e annullano il gap per poi imporsi nelle fasi finali con il punteggio di 23 a 25. Più autoritario il cammino delle atlete in maglia gialloblù nel secondo che si aggiudicavano con un buon margine (19-25). Nel terzo le parti si invertono con le padrone di casa che si portano avanti e nonostante, i tentativi di rientro del Savio, riescono a conservarlo sino all’epilogo finale. Il quarto e ultimo parziale è stato quello più intenso di tutto il match, giocato punto su punto dalle due squadre. Soltanto piccoli allunghi alternati ora di Sinfonia e compagne, ora del team di mister Costantino che ai vantaggi riesce a spuntarla. 

“L’obiettivo più importante – rimarca il direttore generale della sezione volley, Paolo Bitto – era la conquista dei tre punti ed è stato raggiunto. L’aspetto psicologico ha influito, siamo entrati in un momento del campionato in cui ogni partita può essere determinante ai fini della salvezza, ciò comporta una tensione elevata da parte delle atlete. Complimenti alla Noma per la loro prova, una società verso la cui dirigenza sono legato da un sentimento di profonda stima e affetto personale.  Mi auguro che presto possa contare su tutte le atlete in organico e raccogliere i risultati che meritano”.

“Non è stata la nostra migliore prestazione – è il pensiero di Marcela Nielsen – ma quello che contava era vincere. La Noma è una bella squadra e nonostante i problemi di organico ha giocato fino in fondo la sua gara. L’infortunio di Gabriella Mercanti ha privato la squadra di un elemento importante ma possiedono una rosa composta da gente di esperienza ed hanno saputo riorganizzarsi in campo. Abbiamo alternato momenti di gioco più che buoni a qualche errore di troppo, ma non ci siamo mai disunite nei momenti difficili: volevamo questa vittoria e siamo riuscite a ottenerla con cuore e tanta determinazione”.

“Questi tre punti – continua la schiacciatrice di Necochea – sono importanti per la classifica ma sappiamo che dobbiamo continuare a lottare perché la salvezza non è stata ancora raggiunta. La testa è già rivolta al prossimo avversario, Spezzano; non sarà un incontro facile ma vogliamo continuare su questa strada e la spinta del pubblico del PalaJuvara ci aiuta a fare ancora meglio”.

NOMA VOLLEY – SAVIO MESSINA 1-3 

(Set: 23-25; 19-25; 25-20; 28-30)

NOMA VOLLEY: Reitano 14, Mercanti G. 1, Sinfonia 8, Susino 30, Tsankova 10, Mercanti M. (L), Abbracciavento 5, Ferraro 2. All. Porretta

SAVIO MESSINA: Aloise, Vasi 6, Ferraro ne, Morelli (K) ne, Buonfiglio 13, Nielsen 27, Tilaro (L), Saporito 18, Ingrosso, Mercieca 16, Pino ne. All. Domenico Costantino 

ARBITRI: Roberto Barbata e Danilo Lopez

(59)

Categorie

Sport

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *