Pallacanestro – Vince ancora l’Orlandina, espugnato il PalaRuffini di Torino

fotoL’Orlandina Basket espugna il PalaRuffini di Torino e conquista la quarta vittoria consecutiva in campionato.  Sconfitta anche la Manital Torino in una gara in cui l’Upea è sempre stata avanti con merito. Assenti illustri per entrambe le compagini, mancavano all’appello di coach Pillastrini, infatti, Mancinelli e Steel, mentre Pozzecco non ha potuto contare su Sandro Nicevic, out per una leggera contrattura al polpaccio.

Partono subito forte i paladini: dopo 2’ sono già avanti di 0-8 grazie a un campione che non vuole smettere di stupire come Gianluca Basile. In una manciata di secondi  sono già due le bombe messe da Baso. Portannese e Mays (cinque in fila per lui), poi, danno subito la doppia cifra di vantaggio all’Upea (3-13 dopo 4’). Amoroso elude la difesa di Archie, ma Portannese dal palleggio trova l’arresto e tiro che tiene Torino ancora sotto di 10 (9-19 dopo 6). Amoroso realizza da tre, ma Cefarelli interrompe il parziale di 9-0 dei torinesi realizzando dalla media. Dominique Archie assistito da Basile trova un’importante tripla e il primo quarto termina 18-24 per l’Upea.

Archie, che riesce nel tapin in correzione sull’appoggio di Mays, e Cefarelli,  da sotto su assistenza di Basile, aiutano Capo d’Orlando a tenere a distanza Torino in avvio di secondo quarto (24-29 dopo 4’). Mays penetra e serve Portannese dietro la linea di tre punti che realizza per il 24-32, l’agrigentino nel capovolgimento di fronte difende anche bene su Amoroso senza riuscire però a evitare il canestro (26-32 a 5’ dall’intervallo). Un’acrobazia di Archie e una grande giocata di Portannese, canestro e fallo che fruttano 3 punti, spingono l’Upea (33-39 a 2’24’’). Con l’intenzione di sfruttare l’assenza di Nicevic, Pillastrini alza il quintetto chiamando fuori Stojkov e inserendo Sandri. L’Orlandina non accusa il colpo grazie al talento dei suoi giocatori: Portannese riceve da Archie e con lo step back scombussola la difesa di Gergati trovando lo spazio per il tiro da tre. Nell’azione successiva, allo scadere dei 24, è ancora Marco Portannese a piazzare la bomba che chiude il secondo quarto. All’intervallo l’Orlandina è sul +11 (34-45).

Dopo la pausa lunga Capo arriva anche sul +20: Benevelli in arresto e tiro realizza dalla media distanza, Mays in lunetta fa 2/3, bomba di Archie e intercetto di Mays che vola in contropiede (34-54 dopo 4’). Brilla la stella di Amoroso, ma splende ancora di più quella di Andrea Benevelli, con i suoi 8 punti l’Orlandina resta saldamente avanti (46-60 a 3’ dalla fine). Errori da ambo le parti in attacco, rompe il digiuno Evangelisti dall’arco (49-60 a 1 dalla sirena). Il terzo periodo di gioco si chiude sul 50-60 per l’Orlandina.

Wojciechowski apre le danze negli ultimi dieci minuti, ma i piemontesi lasciano lo spazio a Mays per la tripla e vengono puniti dal texano. Due canestri di Archie danno respiro all’Upea, Portannese nel tentativo di stoppare Gergati commette il suo 4 fallo e coach Pozzecco lo sostituisce con Soragna. Archie sovrasta Wojciechowski e va a schiacciare, ma Amoroso tiene a galla i suoi (61-69 a 6’ dalla fine). Benevelli conquista un rimbalzo sul tiro di Archie e segna subendo il fallo, ma sbagliando il libero aggiuntivo (65-73 a 3’ dalla fine). Quarto fallo di Archie che manda in lunetta Amoroso, 2/2 per lui. Gergati ne mette 5 consecutivi e Torino è ora a distanza di un possesso (72-75 a 40 secondi dalla fine). Immenso Mays a trovare la tripla che chiude praticamente la gara (72-78 a 14 secondi dalla fine). Termina 76-82 per l’Upea Capo d’Orlando.

«Torino deve essere fiera della gara che ha fatto – ha dichiarato coach Pozzecco a fine gara – mancavano da loro anche il play e Mancinelli. Abbiamo vinto puntando sul pick and roll e giocando su Chessa, ma Torino ha fatto veramente una grande gara». Negli ultimi dieci minuti, in cui per altro si stava per decidere la gara, l’allenatore triestino è dovuto ricorrere a Matteo Soragna: «Teo non doveva giocare – conclude Pozzecco – ma avevamo una situazione falli un po’ critica e  gli ho chiesto se potevo schierarlo. Mi ha risposto che se non l’avessi fatto mi avrebbe dato un cazzotto e non ho avuto dubbi. E’ un grande uomo Matteo Soragna. Fino a ieri le copertine erano giustamente per Baso e per i suoi tiri ignoranti, ma ora i complimenti vanno a tutti i ragazzi Baso compreso».

Le quattro vittorie dell’Orlandina coincidono con l’arrivo di D’wayne Mays e il recupero di Gianluca Basile. «Stiamo crescendo – commenta Basile – ma facciamo ancora troppi errori. Dobbiamo migliorare ancora tanto. Con il Baso si può solo vincere? No si può anche perdere, ma si lotterà sempre». 

(55)

Categorie

Sport

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *